Criptovalute, Voyager Digital restituirà 270 milioni di dollari ai clienti

5 Agosto 2022, di Gianmarco Carriol

Voyager Digital, broker di criptoasset basato in Canada, ha ricevuto il via libera per restituire ai suoi clienti fondi per un valore di 270 milioni di dollari. La mossa è stata approvata dal tribunale fallimentare di New York, dove il caso della società è in corso di discussione. Lo riferisce il Wall Street Journal. Secondo il giudice Michael Wiles, Voyager aveva fornito “una base sufficiente” per sostenere che i clienti dovrebbero essere autorizzati a utilizzare i fondi che la società detiene in un conto fiat di custodia presso la Metropolitan Commercial Bank (MCB). Tuttavia, restano ancora punti interrogativi sulle partecipazioni in criptovalute della società. Le dichiarazioni di fallimento di Voyagerrivelano che la società ha oltre 100.000 creditori. L’azienda afferma di avere a disposizione oltre 110 milioni di dollari in contanti e criptovalute, oltre a 350 milioni di dollari in contanti detenuti nel conto a favore dei clienti presso MCB.

Voyager ha anche affermato di avere circa 1,3 miliardi di dollari di criptovalute sulla sua piattaforma, oltre a pretese contro Three Arrows Capital (3AC) per oltre 650 milioni di dollari. Come riportato, Voyager ha emesso un avviso di inadempienza a 3AC per il mancato pagamento dei pagamenti richiesti sul prestito precedentemente rivelato di 15.250 BTC e 350 milioni di USDC. Mentre la notizia di un pagamento dal fondo MCB sarà benvenuta per i clienti di Voyager, il tribunale deve ancora pronunciarsi sul destino dei fondi ancora congelati sulla piattaforma.

Secondo quanto riporta Bloomberg, un legale di Voyager ha affermato alla corte che la società aveva già ricevuto “più offerte per i suoi beni in eccesso rispetto a un’offerta precedente” dall’exchange di criptovalute FTX e Alameda Research. Quest’ultima è una società di trading di criptovalute quantitativa fondata dal ceo di FTX, Samuel Bankman-Fried.

L’offerta di FTX per le criptovalute di Voyager Digital

L’avvocato, Joshua Sussberg dello studio legale Kirkland & Ellis sostiene che l’offerta di FTX di acquistare le criptovalute di Voyager per contanti al valore di mercato, offrendo anche ai clienti Voyager la possibilità di ricevere le loro richieste a condizione che aprano portafogli FTX, era stata respinta da Voyager . L’offerta era stata respinta la scorsa settimana come “un’offerta di liquidazione di basso livello travestita da salvataggio di un cavaliere bianco”. Sussberg ha altresì precisato che “tra le offerte ricevute da Voyager finora”, questa era “in realtà la più bassa” presentata. Sebbene Sussberg si sia rifiutato di fornire ulteriori dettagli sulle offerte rivali, l’avvocato ha affermato che queste offerte avrebbero consentito ai clienti di recuperare molto più di 0,30 USD per ogni dollaro investito con Voyager.