Crescita: Europa tornata al 19esimo secolo

2 Aprile 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Esclusi i periodi di conflitto militare, le condizioni economiche a lungo termine di Spagna, Italia e Francia sono agli stessi livelli di oltre un secolo fa. Il grafico pubblicato dall’analista di JP Morgan Michael Cembalest.

Mentre aumentavano le pressioni sui mercati del credito, con i differenziali dei tassi del debito sovrano dei paesi piu’ in difficolta’ dell’area euro in allargamento rispetto ai valori della Germania, i prestiti delle banche a famiglie e aziende hanno registrato una contrazione progressiva.

Ora il costo per chiedere denaro in prestito per le piccole e medie imprese italiane e spagnole e’ diventato piu’ alto della crescita nominale e reale dei due paesi.

Le politiche della Bce non sono riuscite ad arginare il processo di frammentazione in atto in Europa, lasciando un piccolo spazio alla ripresa per un Continente in piena crisi politica e economica.

Gli ultimi dati PMI dipingono un quadro desolante per le principali potenze europee. L’indice composito dell’attivita’ manifatturiera in Francia e’ sceso su livelli orrendi, mentre quello tedesco e’ passato in territorio negativo per la prima volta quest’anno.