Credit Suisse vende il suo hotel di lusso e sale in Borsa

7 Ottobre 2022, di Alessandra Caparello

Segna un recupero in Borsa oggi Credit Suisse dopo giornate sull’ottovolante. Il titolo del numero due del settore bancario elvetico è in rialzo oggi sui mercati sulla scia della notizia della messa in vendita dell’hotel di proprietà della banca svizzera.

Il sito di informazione “Inside Paradeplatz” riferisce oggi che il Credit Suisse avrebbe offerto il Savoy Baur, hotel a 5 stelle situato vicino alla sede sociale del Credit Suisse e attualmente gestito dal gruppo internazionale Mandarin Oriental, al miliardario Goetz Bechtolsheimer, a cui fa capo la catena alberghiera di lusso Tschuggen. L’hotel è al momento chiuso per ristrutturazione e, secondo  il sito di informazione , la vendita sarebbe valutata circa 400 milioni di franchi svizzeri. Un portavoce della banca ha confermato che l’albergo è in vendita. Come riporta “Il Sole 24 Ore”, Credit Suisse valuta regolarmente il suo portafoglio immobiliare nel quadro della sua strategia globale e la banca si è impegnata in questo ambito “a lanciare la procedura di vendita dell’hotel Savoy”, ha indicato il portavoce interpellato dai media elvetici, precisando che in ogni caso “valuterà con cautela tutte le offerte e gli eventuali acquirenti”.

Le preoccupazioni per Credit Suisse

Pochi giorni fa il Financial Times ha scritto che i dirigenti della banca svizzera sono in trattative con i suoi principali investitori per rassicurarli tra le crescenti preoccupazioni sulla salute finanziaria della banca. Un dirigente coinvolto nei colloqui ha riferito che i team della banca si sono impegnati attivamente con i suoi migliori clienti e controparti durante il fine settimana, aggiungendo che stavano ricevendo “messaggi di supporto” dai migliori investitori.

A dare il turbo alle azioni di Credit Suisse anche la notizia secondo cui la banca avrebbe lanciato un’offerta di riacquisto del debito circolante per 3 miliardi di franchi. Il gruppo svizzero ha annunciato venerdì 7 ottobre un’offerta di riacquisto di titoli di debito senior per un totale di 3 miliardi di franchi svizzeri (3,03 miliardi di dollari). La banca svizzera ricomprerà otto titoli di debito senior denominati in euro o sterline per un totale fino a 1 miliardo di euro (980 milioni di dollari). Offre inoltre il riacquisto di 12 titoli denominati in dollari Usa per un massimo di 2 miliardi. Entrambe le offerte sono soggette a varie condizioni e scadranno rispettivamente il 3 e il 10 novembre 2022, ha affermato Credit Suisse. “Le transazioni sono coerenti con il nostro approccio proattivo alla gestione della nostra composizione complessiva delle passività e all’ottimizzazione degli interessi passivi e ci consentono di sfruttare le condizioni di mercato per riacquistare il debito a prezzi interessanti”, ha affermato la banca in una nota.