Lunedì nero per Credit Suisse, che perde quasi il 10%. Ecco perché

3 Ottobre 2022, di Gianmarco Carriol

Oggi le azioni di Credit Suisse sono crollate di quasi il 10% nella sessione mattutina europea, dopo che il “Financial Times” ha riferito che i dirigenti della banca svizzera sono in trattative con i suoi principali investitori per rassicurarli tra le crescenti preoccupazioni sulla salute finanziaria della banca.

Un dirigente coinvolto nei colloqui ha riferito che i team della banca si sono impegnati attivamente con i suoi migliori clienti e controparti durante il fine settimana, aggiungendo che stavano ricevendo “messaggi di supporto” dai migliori investitori.

Le azioni in seguito hanno recuperato leggermente e portando le perdite al “solo” 7% nelle contrattazioni pomeridiane.

In una dichiarazione alla CNBC quest’oggi, la banca ha affermato che fornirà aggiornamenti sulla sua revisione della strategia quando rilascerà i risultati del terzo trimestre, previsti per fine mese. “Sarebbe prematuro commentare eventuali risultati prima di allora”, hanno fatto sapere da Credit Suisse.

Gli spread dei credit default swap della banca, che forniscono agli investitori protezione contro i rischi finanziari come il default, sono saliti notevolmente venerdì scorso, sulla scia delle indiscrezioni sul fatto che l’istituto di credito svizzero sta cercando di raccogliere capitali, citando una nota del suo amministratore delegato, Ulrich Koerner. Il titolo è sceso di circa il 60% da inizio anno. “Confido che tu non stia confondendo la nostra performance quotidiana dei prezzi delle azioni con la solida base di capitale e la posizione di liquidità della banca”, ha affermato il ceo in una nota ai dipendenti della banca.

La situazione di Credit Suisse non è tragica come quella del 2007

Il “Financial Times” ha riferito che il dirigente ha smentito le notizie secondo cui l’istituto di credito svizzero si era rivolto formalmente ai suoi investitori in merito alla possibile raccolta di più capitale e ha insistito sul fatto che Credit Suisse “stava cercando di evitare una tale mossa con il prezzo delle sue azioni ai minimi storici e costi di finanziamento più elevati a causa dei declassamenti del rating.”

La banca è in fase di revisione della strategia, che include potenziali disinvestimenti e vendite di asset. Credit Suisse ha anche avviato colloqui con gli investitori per raccogliere capitali tenendo conto di vari scenari; alcune fonti affermano che ci sia anche la possibilità che la banca possa, in gran parte, uscire dal mercato statunitense.

Le ultime notizie di Credit Suisse segnalano un periodo preoccupante in arrivo, ma potrebbero portare a un cambiamento nella direzione aggressiva intrapresa dalla Federal Reserve, ha dichiarato lunedì John Vail, capo stratega globale di Nikko Asset Management. “Il lato positivo alla fine di questo periodo è il fatto che le banche centrali probabilmente inizieranno a cedere per un po’ di tempo poiché sia ​​l’inflazione è in calo e le condizioni finanziarie peggiorano drasticamente. Non credo che sia la fine del mondo.”

“Comprendiamo la natura delle preoccupazioni, ma la situazione attuale è totalmente diversa dal 2007 poiché i bilanci sono fondamentalmente diversi in termini di capitale e liquidità”, afferma il rapporto di diversi analisti di Citi Group. “Riteniamo che i titoli delle banche statunitensi siano molto interessanti attualmente”, conclude il rapporto.