Covid-19: boom di contagi. Il confronto con il 9 marzo nel pre-lockdown

5 Ottobre 2020, di Alessandra Caparello

Covid-19: boom di contagi. Il confronto con il 9 marzo nel pre-lockdown

Non si arresta la crescita dei contagi nel mondo e anche in Italia dal Coronavirus. Sono ormai 9 settimane che il numero di nuovi positivi affetti da Covid-19 sale arrivando a raggiungere i livelli preoccupanti dello scorso mese di aprile.

Covid-19, i contagi al 9 marzo 2020

Per comprendere la gravità della situazione basta fare un confronto tra i dati registrati ieri, domenica 4 ottobre e il 9 marzo scorso, il giorno prima del lockdown totale.

Il 9 marzo 2020 si registravano 1.598 nuovi contagi  e 97 decessi. I pazienti ricoverati con sintomi erano 4.316, mentre 733  si trovavano in terapia intensiva e 2.936 in isolamento domiciliare.

La Regione più colpita era la Lombardia con 5.469 casi totali a fronte di 20.135 tamponi, di cui 4.490 positivi, 2.802 ricoverati con sintomi, 440 in terapia intensiva e 1.248 in isolamento domiciliare a cui si sono aggiunti 333 morti.

Dietro la Lombardia, triste primato per numero di contagi da coronavirus al 9 marzo scorso l’Emilia Romagna.

Il confronto tra il 9 marzo e il 4 ottobre

Covid-19, i contagi al 4 ottobre 2020

Il 4 ottobre 2020 si sono registrati 2.578 nuovi contagi e 18 vittime. I pazienti ricoverati in ospedale con sintomi sono 3.287, mentre sono 303 quelli in terapia intensiva. I guariti sono 697.

Record di positivi in Campania per il quarto giorno consecutivo con 412 nuovi casi su 7.250 tamponi effettuati, seguita da Lombardia e Piemonte.

Le regioni con minor numero di contagi sono Valle d’Aosta con 7 attualmente positivi in più rispetto al giorno prima, la Basilicata con 14 e il Molise con 15.

Dall’inizio dell’emergenza il totale dei contagiati si attesta a 325.329 unità mentre i decessi ammontano a 35.986.

Le nuove misure allo studio del governo

Numeri che crescono giorno per giorno e che stanno spingendo il governo prima a prorogare lo stato di emergenza fino al prossimo gennaio e ora a varare per mercoledì 7 ottobre un nuovo DPCM con nuove misure straordinarie per cercare di frenare la nuova ondata di contagi.
Secondo le indiscrezioni sarà resa obbligatorio l’uso della mascherina all’aperto e verranno introdotte delle limitazioni agli orari di apertura dei locali pubblici. Previsto anche l’utilizzo dell’esercito per fare rispettare le nuove norme.