CONTINUA L’ AVANZATA DELLE BORSE USA

12 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Alla soglia di meta’ giornata tutti i principali indici di borsa accentuano il rialzo. Ordini di acquisto sul settore tecnologico dopo alleanze e risultati di bilancio superiori alle aspettative. Le Blue Chip hanno gia’ scontato la stretta sui tassi in attesa della riunione della Federal Reserve.

(verificare quotazioni indici aggiornate IN TEMPO REALE in prima pagina)

Il dato economico diffuso in mattinata, relativo ai prezzi alla produzione in aprile, era sostanzialmente in linea con le aspettative dei mercati e quindi non avra’ particolari effetti sulla decisione che la Federal Reserve dovra’ prendere sui tassi d’interesse durante la prossima riunione del 16 maggio.

La debole flessione di aprile, dovuta al raffreddamento dei prezzi dell’energia dopo l’accordo sulle quote con l’Opec, contribuisce a non accentuare le preoccupazioni sul fronte dell’inflazione.

Le aspettative dei mercati sono per un aumento dei tassi d’interesse interbancari (Fed Funds) dello 0,5%, una stretta pesante rispetto allo 0,25% di solito utilizzato da Alan Greenspan per calmare i bollori della crescita economica, ma comunque al di sotto dello 0,75% che ormai si cominciava a temere.

Ancora una volta comunque e’ bastato che Greenspan accennase una minaccia, perche’ le borse si mettessero in riga da sole. La correzione di borsa delle ultime settimane – secondo molti operatori – ha gia’ infatti assorbito il prossimo aumento del costo del denaro.

Gli ordini di vendita raggiungono tutte le componenti dei listini con grande attenzione alla qualita’: solo le aziende con i conti in ordine e non in odore di sopravvalutazione vengono premiate.

L’eccezione e’ rappresentata dal settore farmaceutico, uno dei pochi a muovere in controtendenza.

Cinque multinazionali del farmaco hanno infatti aderito alla richiesta umanitaria dell’Onu di fornire farmaci per la cura dell’Aids alle popolazioni dell’Africa, una delle zone dove la malattia e’ endemica.

In questo modo sembrano aver scontentato gli azionisti, preoccupati per la riduzione dei margini di profitto.

In generale contribuiscono ai rialzi di giornata semiconduttori, Internet, computer, software, servizi finanziari e tabacco.

Oltre al farmaceutico fanno un passo indietro trasporto aereo e settore alimentare.

Tra i principali titoli in movimento a meta’ giornata sulla borsa di New York:

Nel settore tecnologico, Cisco Systems (CSCO) ha annunciato oggi l’acquisizione di Qeyton Systems, una societa’ svedese specializzata nella produzione di fibre ottiche, per $800 milioni in azioni. Il titolo guadagna quasi il 3,5%.(vedi articolo WSI delle 09:20)

Nel settore dei personal computer, Dell (DELL) guadagna piu’ dell’11% dopo aver annunciato utili in rialzo superiori alle aspettative di Wall Street. La societa’ ha chiuso il secondo trimestre registrando utili netti per $525 milioni, pari a 19 centesimi per azione. Nello stesso periodo dello scorso anno, gli utili netti si erano attestati a $434 milioni, o 16 centesimi per azione.(vedi articolo WSI delle 11:15)

Nel settore del business-to-business, Internet Capital Group (ICGE) ha chiuso il trimestre con utili in rialzo dai 14 centesimi per azione dello stesso periodo del 1999 agli attuali $1,30 per azione. Il titolo sembra non risentire del fatto che Robertson Stephens ne abbia abbassato il rating da “Strong Buy” a “Buy” e segna un rialzo superiore al 2%.

Nel settore Internet, Terra Networks (TRRA), la divisione Internet della spagnola Telefonica (TEF), sta trattando per creare un’alleanza con il portale statunitense Lycos (LCOS), una delle cinque maggiori società del settore. Il titolo Lycos guadagna a meta’ giornata quasi il 9%.(vedi articolo WSI delle 09:48)

Nel settore pubblicitario, la britannica WPP Group PLC (WPPGY) ha confermato oggi l’acquisizione dell’americana Young & Rubicam Inc. (YNR) con uno scambio azionario di $4,7 miliardi. L’operazione crea uno dei piu’ grandi gruppi pubblicitari al mondo con un fatturato totale di $5,2 miliardi e una capitalizzazione di mercato di $14,5 miliardi. A meta’ giornata il titolo Y&R inverte tendenza e segna un ribasso dello 0,5%.(vedi articolo WSI delle 08:59)

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli più trattati al New York Stock Exchange (dati delle 12:00) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare aggiornamenti su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(T) AT&T Corp. 17,160,400 37.625 +2.125 +5.99%;

(CPQ) Compaq Computer Corporation 13,446,100 27.688 +0.688 +2.55%;

(HSM) Hussmann International, Inc. 9,199,700 28.500 +15.125 +113.08%;

(NT) Nortel Networks Corporation 7,399,700 52.688 +2.375 +4.72%;

(MOT) Motorola, Inc. 6,284,800 96.063 +3.875 +4.20%;

(GE) General Electric Company 5,976,800 51.813 +0.875 +1.72%;

(MO) Philip Morris Companies Inc. 5,922,800 24.188 +0.688 +2.93%;

(AES) AES Corporation 5,824,900 78.000 +3.625 +4.87%;

(AOL) America Online, Inc. 5,716,400 55.250 +1.313 +2.43%;

(XRX) Xerox Corporation 5,279,900 27.438 +1.938 +7.60%.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli più trattati al Nasdaq (dati delle 12:00) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare aggiornamenti su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(DELL) Dell Computer Corporation 43,407,400 49.875 +5.188 +11.61%;

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 24,069,800 62.063 +1.813 +3.01%;

(ERICY) Telefonaktiebolaget LM Ericsson 13,225,200 19.875 +0.500 +2.58%;

(MSFT) Microsoft Corporation 12,102,700 69.375 +1.500 +2.21%;

(ORCL) Oracle Corporation 12,001,500 76.000 +3.625 +5.01%;

(INTC) Intel Corporation 11,591,900 118.250 +2.688 +2.33%;

(AMAT) Applied Materials, Inc. 8,845,600 88.000 +2.750 +3.23%;

(SUNW) Sun Microsystems, Inc. 8,437,300 82.625 +5.813 +7.57%;

(WCOM) WorldCom, Inc. 7,938,200 41.625 -0.688 -1.62%;

(JDSU) JDS Uniphase Corporation 7,220,700 90.625 +4.125 +4.77%.