CONTI DUBBI: LETTERA SEC RIVELA IRREGOLARITA’ IBM

di Redazione Wall Street Italia
28 Marzo 2002 15:47

Due anni fa la Securities and Exchange Commission, l’organo di controllo della borsa americana, aveva suggerito a International Business Machines (IBM – Nyse) di apportare modifiche al bilancio 1999, dopo aver messo in discussione alcune pratiche contabili del gigante dei computer.

La Sec, in quattro lettere in mano al Wall Street Journal, avrebbe tra l’altro fatto riferimento al modo in cui era stato messo in bilancio il profitto di $4,06 miliardi ottenuti dalla vendita della divisione Global Networks ad AT&T (T – Nyse) e dubitato che Ibm avesse reso noto agli investitori il peso che i guadagni del suo fondo pensione avessero sui risultati finali della societa’.

Ibm, pero’, aveva ignorato i consigli Sec e evitato di modificare i libri contabili.

Il fatto che la Consob americana avesse chiesto con insistenza alla societa’ di intervenire significa, secondo alcuni operatori del mercato, che le irregolarita’ fossero notevoli, ma poiche’ non e’ stato preso alcun provvedimento da parte della Sec, significa che i problemi non fossero cosi’ gravi.

In seguito al crollo del gigante energetico Enron, le pratiche contabili delle maggiori societa’ sono salite alla ribalta e recentemente Ibm e’ stata criticata per avere venduto un’attivita’ nel 2001 per poter raggiungere gli utili previsti dagli analisti.

Dai documenti Sec, poi, risulta che Ibm sia al centro di un’indagine relativa a un caso di bustarelle che ha coinvolto la sua divisione argentina nel 1994.

Nel dicembre 2000, Ibm ha chiuso la questione versando alla Sec $300.000, ma avrebbe dato false informazioni su quella divisione.