CON UN CLICK MI COMPRO LA MACCHINA

10 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

A partire da mercoledì 9 febbraio i potenziali clienti francesi della storica fabbrica di automobili Renault-Citroën, potranno acquistare una macchina via Internet.

La casa ha annunciato di aver messo in rete un programma costato 150 miliardi di lire (investimento che sarà ripetuto, della stessa entità, nei prossimi tre anni) che funziona in questo modo: il sito Renault mostra al potenziale acquirente tutti i modelli della casa con l’elencazione di colori, motorizzazioni, optionals, prezzi. Ogni modello è confrontato con quello di altre marche della stessa categoria.

Il cliente si costruisce la sua vettura praticamente su misura scegliendo dal colore al motore agli accessori. Finché arriva al prezzo e dice lui come vuole pagare: quanto anticipo può versare e quanto in rate mensili. Il programma gli mostra la combinazione migliore, calcola e indica a parte gli interessi e costruisce un piano di pagamento personalizzato.

Quando il cliente fa partire l’ordine, la Casa lo mette direttamente in contatto con il concessionario più vicino (in Francia ce ne sono seicento) il quale entro quindici giorni (per alcuni modelli l’attesa supera i due mesi) gli consegnerà la vettura a domicilio con i documenti di immatricolazione, assicurazione pagata presso la compagnia indicata dall’acquirente e bollo di circolazione versato.

Per quest’anno il servizio è disponibile solo in Francia, l’anno prossimo sarà esteso a Germania e Inghilterra, nel 2002 arriverà in Italia.
Il direttore commerciale del gruppo, François Hinfray, ha calcolato che entro tre anni il 60 per cento delle macchine Renault saranno vendute con questo sistema o che almeno due delle operazioni che precedono l’acquisto saranno effettuate via Internet.

Renault-Citroën è la prima grande casa automobilistica europea a lanciare l’acquisto via Internet e si è mossa rapidamente sopraTtutto per due ragioni. La prima è che entro due anni la Commissione Europea manderà in pensione l’attuale sistema di vendita delle vetture basato su concessionari legati da un patto di ferro con l’azienda produttrice che li obbliga a vendere solo i suoi modelli.

Due catene di grandi magazzini francesi, le celeberrime Galeries Lafayette e Cofinoga (specialista in elettrodomestici e materiale per la casa) stanno già attrezzando spazi per esporre autovetture: scelgono loro marche, modelli, stabiliscono il prezzo; esattamente come avviene per il tonno: è il supermercato che decide quali e quante marche di tonno vuole vendere e a che prezzo.

La seconda ragione è che in Europa sta per sbarcare un gigante americano delle vendite di auto via Internet: si chiama Autobytel e negli Usa controlla la metà del mercato in rete.

Autobytel ha elaborato un originale programma di vendita col quale ha ridotto di tre volte e mezza i costi di commercializzazione del prodotto, tutto a beneficio del cliente.

Lo spauracchio Autobytel ha convinto Renault ad accelerare i tempi. Si sa che su Internet chi primo arriva, con quel che segue…