Commerzbank: Fed taglierà i tassi tre volte, rally T-bond non è finito

7 Giugno 2019, di Mariangela Tessa

Il rally delle obbligazioni di stato americane, i Treasury, ha ancora gas nel serbatoio. Ne sono convinti gli analisti di Commerzbank, che vedono i  rendimenti decennali raggiungere i minimi storici entro la fine dell’anno. La previsione prende le mosse dalle dichiarazioni recenti della Fed, che si è detta pronta a tagliare i tassi di interesse nel caso di un rallentamento dell’economia mondiale.

“La conferenza della Federal Reserve di questa settimana ha chiarito che la banca centrale degli Stati Uniti non risparmierà munizioni qualora ci fosse una crisi economica” ha detto Christoph Rieger, analista Commerzbank AG in un’intervista con Bloomberg, lasciando intravedere un intervento aggressivo.

La seconda banca tedesca vede davanti tre tagli: il primo è messo in conto già a settembre. Ne seguiranno altri due a dicembre e a marzo.

In questo contesto, i rendimenti dei Treasury a 10 anni dovrebbero, in base alle stime, scendere all’1,25% entro fine anno, un calo di quasi un punto percentuale rispetto all’attuale livello del 2,12%. Nello stesso periodo, i rendimenti dei bund tedeschi a 10 anni andranno in territorio negativo a – 0,4%, rispetto allo 0,24% attuale.

Nel frattempo, complici le preoccupazioni per l’economia internazionale, nella settimana chiusa il 5 giugno, il mercato obbligazionario globale che ha registrato il maggior flusso di investimenti settimanali in oltre quattro anni. I fondi a reddito fisso seguiti dall’EPFR, hanno risucchiato 17,5 miliardi di dollari a livello globale. Un livello così alto di afflussi non si vedeva dal febbraio 2015. I fondi “investment grade” di più alto rating hanno assorbito $ 18,5 miliardi.