Come investire i tuoi primi 100 dollari. I consigli dei consulenti

8 Settembre 2021, di Alessandra Caparello

Chi decide di muovere i primi passi per investire, può sentirsi disorientato dinanzi alla mole di informazioni che oggigiorno si trovano anche su internet. Certamente investire anche una piccola somma è un buon inizio sulla strada verso la creazione della propria ricchezza o quantomeno stabilità finanziaria.

L’investimento non è solo roba da ricchi

La cultura popolare spesso dipinge l’investimento come qualcosa ad appannaggio dei ricchi. I film mostrano broker che comprano e vendono aggressivamente azioni prima che il mercato chiuda, urlando nei telefoni dopo aver perso migliaia di dollari. I programmi televisivi ritraggono investitori miliardari che firmano i loro portafogli con la consapevolezza che diventeranno solo più ricchi.

Questo tipo di rappresentazione può rendere difficile per un utente medio credere che anche loro possono investire nel mercato azionario, credendo invece che devono raggiungere una certa soglia di reddito o di risparmio prima che investire possa diventare la loro realtà.

Per chi volesse cimentarsi e iniziare a investire quindi, è bene che sappia che non è necessario essere ricco ma si può iniziare anche solo puntando 100 dollari. Ma come investire al meglio questi 100 dollari? Alcuni consulenti ne hanno parlato in un post apparso su Business Insider da cui possiamo prendere spunto.

Come investire i tuoi primi 100 dollari

I consulenti consigliano in primo luogo di investire in sé stessi. Cynthia Meyer di Real Life Planning, consulente che lavora principalmente con gli investitori immobiliari, suggerisce di cercare modi per investire i soldi che si hanno nuovamente in sè stessi – e creare più flussi di reddito – frequentando un corso, creando un sito web, o acquistando attrezzature e materiali per un’attività secondaria di nicchia. “I più giovani potrebbero non aver ancora realizzato il potere economico che ha trasformare i propri interessi, hobby o abilità in flussi multipli di reddito”, dice l’esperto.

“Per qualcosa come il settore immobiliare, per esempio, hai bisogno di molto capitale per iniziare in modo significativo, ma non ne hai bisogno per mettere su il tuo sito web, e fare qualcosa in cui sei già bravo”, dice Meyer.

Investire nel proprio futuro – qualunque esso sia è l’altro consiglio. “Prendo la parola investimento con una certa libertà creativa”, dice Tania Brown, pianificatore finanziario di SaverLife. “Se stai cercando di investire nel tuo futuro, in quale futuro vuoi investire? “ si chiede l’esperta secondo cui, se gli obiettivi futuri di qualcuno includono l’essere senza debiti, l’investimento giusto per i 100 dollari sarebbe nel pagare il debito pendente. Allo stesso modo, se il futuro ideale di qualcuno include la stabilità finanziaria, potrebbe avere senso mettere quei soldi in un fondo di emergenza.  Infine quando si tratta di investire, una buona cosa è l’abitudine.

“Basta iniziare“, dice l’esperta. “Se hai 100 dollari, se puoi aggiungere 10 dollari al mese, questo crea un’abitudine”.

Secondo il financial planner certificato David Wilson, è l’ignoranza in materia finanziaria la vera barriera che separa le famiglie dalla possibilità di investire con successo. Anche se la finanza contiene molti tecnicismi e può sembrare incomprensibile, secondo Wilson i concetti di fondo per lavorare a un proprio tesoretto futuro sono alla portata di tutti. “Mantieniti su livelli di base”, ha suggerito in un’intervista rilasciata a Cnbc, “sviluppa un piano, mantieni sotto controllo le spese, diversifica gli investimenti, e riequilibrali nel corso del tempo”.

 Un’altra paura non certo da poco è quella di incappare in brusco crollo dei mercati poco dopo essersi esposti. “Evita di cercare l’investimento compiuto con tempismo e ignora le notizie contingenti” sono i consigli di Wilson per chi è ancora alle prime armi. Chi opera abitualmente sui mercati potrà sfruttare il flusso di informazioni a suo vantaggio, ma non è un approccio adatto a tutti: il rischio, piuttosto, è quello di farsi prendere dall’emotività e compiere pessime scelte.

Sul piano pratico, Wilson suggerisce ai piccoli risparmiatori di sfruttare le nuove piattaforme digitali per prendere famigliarità con gli investimenti e la costruzione del portafogli. I cosiddetti roboadvisor, infatti, permettono di iniziare con piccole cifre e di muoversi all’interno di interfacce grafiche intuitive. “E’ molto attraente l’idea di dover solo rispondere a 5-10 domande”, solitamente per definire la giusta propensione al rischio, “e poi aver un conto investimenti aperto”.

Prima di addentrarsi, anche in questa forma semplificata, nel mondo dell’investimento, non andrebbe trascurato il valore di una formazione di base. Capire ad esempio cos’è un’azione, un’obbligazione, un dividendo, una cedola. E soprattutto conoscere meglio un fenomeno che, da solo, è in grado di spingere tutti a riconsiderare le proprie reticenze: linflazione.