Cina respinge le accuse Usa: “nessuna svalutazione competitiva yuan”

11 Marzo 2019, di Mariangela Tessa

La Cina respinge al mittente le accuse mosse dagli Usa di svalutare lo yuan per spingere in alto le esportazioni.

“Nonostante l’attuale controversia commerciale con gli Stati Uniti, la Cina non ha mai usato la sua valuta come strumento per aumentare le esportazioni” ha detto il governatore della Banca Popolare Cinese (Pboc) Yi Gang, aggiungendo che la Banca centrale cinese ha “sostanzialmente abbandonato gli interventi quotidiani sui mercati valutari” e l’obiettivo, adesso, è quello di “mantenere lo yuan stabile”.

Da parte di Pechino, tuttavia, vi è la preoccupazione che lo yuan non scivoli ulteriormente contro il dollaro. La questione ha fatto parte dei negoziati in corso tra Washington e Pechino per porre fine alla loro disputa commerciale.

Il numero uno della banca centrale della Cina ha, inoltre, posto l’accento sulle conseguenze della guerra a colpi di dazi intrapresa con gli Usa. Gli Stati Uniti hanno finora posto le tariffe su 250 miliardi di dollari di prodotti cinesi importati e la Cina ha reagito con dazi su 110 miliardi di dollari di merci statunitensi.

Una situazione che ha rallentato l’economia cinese, che l’anno scorso è cresciuta del 6,6 per cento, il tasso più basso degli ultimi trent’anni. Le stime per il 2019 sono per un’espansione del 6-6,5%.