Cina: nuova stretta credito, congelati 300 mld di yuan

10 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

Quando la Cina decide di agire, lo fa senza troppi ripensamenti. Una nuova stretta del credito era attesa ormai da giorni per il week end, e con una puntualità quasi da orologio Pechino ha comunicato poco fa l’ennesima sua mossa restrittiva di politica monetaria. O meglio, quella che secondo molti precederà altre manovre nel corso dei prossimi giorni.

La banca centrale ha infatti alzato di 50 punti base il coefficiente di riserva obbligatoria delle banche commerciali, stando a quanto riporta una nota delle autorita’ monetarie. La misura entrerà in vigore dal prossimo 20 dicembre.

Si tratta del sesto aumento consecutivo dall’inizio del 2010, una decisione che dovrebbe congelare liquidita’ circa 300 miliardi di yuan (circa 45 miliardi di dollari).