Cina: migliaia scendono in piazza contro truffa investimenti

2 Gennaio 2012, di Redazione Wall Street Italia

Pechino – Migliaia di persone si sono radunate presso una stazione ferroviaria, nella Cina centrale, per protestare contro il fallimento di una serie di schemi di investimento, accusando il governo di non essere riuscito a bloccare l’operazione, riferiscono oggi i media e una nota delle autorità cinesi.

Ieri, i manifestanti si sono riuniti, guardati a vista dalla polizia, nella stazione di Anyang, nella provincia di Henan, ufficialmente per guardare gli orari dei treni per Pechino, dove recarsi a presentare le proprie proteste, scrive il quotidiano “Mingpao” di Hong Kong.

Foto comparse sul giornale e anche in alcuni blog mostrano miglia di persone radunate pacificamente nella piazza di fronte alla stazione.

Negli ultimi mesi si sono moltiplicate sui media le notizie sul fallimenti schemi di investimento illegali, che stanno diventando un grosso problema ad Anyang, zona a vocazione rurale.

Oggi il governo locale ha diffuso una nota in cui ammette la protesta e si impegna a usare la mano pesante contro gli schemi di investimento, che promettono agli investitori interessi molto più alti di quelli delle banche.

Secondo il sito di microblogging “Weibo” 21 persone sono state arrestate a causa della protesta.