CERTIFICATI: CEDOLA AL 20% ANNUO

22 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

*Pierpaolo Scandurra è Managing Director di www.certificatiederivati.it. Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Secondo appuntamento con un Autocallable Twin Win su un tasso di cambio per l’emittente olandese Abn Amro: dopo il successo ottenuto con il primo certificato, emesso sul tasso Euro/Lira Turca (in nomination per l’Italian certificate Awards), che offriva un rendimento del 25% al termine del primo anno, tocca al Rand Sudafricano proporre un cedolone del 20%.

Diverse le novità rispetto alla prima emissione,a partire dalla durata, allungata di un anno, fino alla leva, non più presente. Ma le differenze principali riguardano proprio i due sottostanti: infatti, se da una parte il Turkish Interbank Rate propone un rendimento del 17,5% annuo, lo JIBAR , ovvero il Johannesburg Interbank Agreed Rate ad un mese, non raggiunge il 9%. Per questo il 20% offerto con questa seconda emissione assume maggiore rilevanza: inoltre, se da una parte il prolungamento di un anno della durata implica un maggiore impegno in termini di tempo, dall’altra consente di puntare ad un 40% se il rimborso non dovesse verificarsi al dodicesimo mese. Aiutandoci con le caratteristiche del certificato sarà più semplice comprenderne anche il funzionamento.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Il sottostante del certificato è il tasso di cambio Euro/Rand ed esprime il controvalore di 1 euro espresso in Rand Sudafricani. Al momento questo tasso è pari a 9,45. Il 31 maggio 2007 verrà rilevato il livello iniziale e su tale livello verrà calcolata la barriera ( pari al 150% del livello di partenza). Al termine del primo anno, e precisamente il 24 maggio, verrà effettuata una prima rilevazione, e se il livello del cambio sarà uguale o inferiore al valore iniziale, si procederà al rimborso del nominale maggiorato del 20%. Viceversa si proseguirà fino al 24 maggio 2009, dove una seconda rilevazione consentirà di uscire prematuramente con un rendimento del 40%.

Soltanto nel caso in cui anche alla seconda rilevazione si dovesse registrare un valore superiore a quello iniziale, si procederà all’esercizio automatico a scadenza secondo i seguenti criteri:

 se non è MAI stata toccata la barriera (150% del prezzo iniziale) ,per il rimborso si terrà conto della variazione assoluta, e quindi un +40% piuttosto che un -40% daranno vita ad un rendimento del 40% sui 100 euro nominali.

 se è stata toccata la barriera anche una sola volta nei tre anni,per il rimborso verrà considerata l’effettiva performance del sottostante, e quindi un -40% produrrà un rimborso di 140 euro, mentre un +40% comporterà una perdita in misura analoga con conseguente rimborso di 60 euro.

Il quadro inflativo del Paese sembra essere sotto controllo, tuttavia non va mai trascurato l’effetto a catena che si scatena sui Paesi Emergenti e sulle rispettive valute quando si mettono in moto degli scossoni finanziari in una di queste aree; pertanto questo AC Twin Win va considerato in ottica altamente speculativa e per sola diversificazione. Da considerare infine che la quotazione non avverrà sul mercato italiano, bensì sullo Stock Exchange Lussemburghese.In sottoscrizione fino al 28 maggio 2007 con il codice ISIN XS0295837578

Copyright © www.certificatiederivati.it per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved