CENTINAIA DI MORTI NELLA GUERRA CONTRO NEW YORK

11 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

E’ guerra a New York. Con il crollo delle due torri gemelle del World Trade Center, le vittime sono centinaia, forse migliaia.

Dopo l’attentato terroristico, effettuato dirottando un aereo di linea e facendolo sfracellare sui grattacieli del World Trade Center, tutte e due le torri gemelle sono rovinosamente crollate.

Nei due palazzi, alti 110 piani, simbolo degli Stati Uniti, lavoravano migliaia di persone.

Secondo le prime dichiarazioni della Port Authority, 10.000 persone si trovavano in ciascuno dei due grattacieli.

L’ Associated Press riporta che un Boeing 767 e’ precipitato nel frattempo vicino a Pittsburg.

L’ attacco terroristico e’ cosi’ ben cooordinato che si tratta, senza ombra di dubbio, di una dichiarazione di guerra contro gli Stati Uniti.

Da New York possiamo dire che tutti i telefoni cellulari, e gran parte delle linee telefoniche sono interrotte. Lo stesso accade a Washington, dove la Casa Bianca, il Pentagono, il Campidoglio, sono stati evacuati, dopo una serie di esplosioni che hanno colpito i palazzi politici dell’amministrazione. In particolare, un aereo pilotato da un terrorista suicida si e’ sfracellato sul Pentagono.

L’America e’ in ginocchio. Dopo la sparizione dall’ orizzonte di New York delle due torri gemelle del World Trade Center, a seguito del piu’ spaventoso attacco terroristico della storia, gli Stati Uniti e il mondo non saranno mai piu’ gli stessi.

Tutti i velivoli in volo nello spazio aereo degli Stati Uniti sono stati fatti atterrare. Il Presidente George Bush, che al momento degli attacchi si trovava in Florida, non ha ancora dichiarato lo stato di guerra.

Da fonti dell’ Fbi si apprende che i terroristi hanno dirottato in questa terribile mattina di guerra, ben cinque aerei.

Tre hanno gia’ colpito gli obbiettivi: il primo si e’ schiantato contro il grattacielo di destra del Trade World Center poco prima delle 9:00, il secondo ha colpito la torre di sinistra 18 minuti dopo, il terzo e’ precipitato prima delle 9:30 sul Pentagono.

Il quarto aereo, stando alle ultime informazioni, si e’ schiantato a Pittsburg, il quinto in Pennsylvania, ma non si sa contro quali obiettivi.

Secondo la Cnn gli attacchi terroristici sono stati rivendicati dal gruppo estremista islamico Jihad. ”Sono la conseguenza della politica degli Stati Uniti in Medio Oriente”, ha detto un esponente della Jihad.


SULL’ATTACCO AGLI USA VEDI ANCHE:


ATTACCO AGLI STATI UNITI