Caso kazake, Ablyazov arrestato in Francia

1 Agosto 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – In una vicenda che assume sempre di pi`u i connotati dell’intrigo internazionale il dissidente kazako ed ex banchiere Mukhtar Ablyazov è stato arrestato nel sud della Francia.

Lo ha comunicato la famiglia e il suo legale al Financial Times.

La moglie dell’uomo, Alma Shalabayeva, e sua figlia Alua, sono state espulse dall’Italia a fine maggio e rimandate in Kazakistan, creando un caso imbarazzante per il governo – i cui vertici dichiarano di non essere stati informati dell’operazione – che è costata il posto al capo di gabinetto del Viminale, Giuseppe Procaccini, e ad altri dirigenti del ministero dell’Interno.

Ablyazov, che ha sempre negato le accuse dichiarandosi un dissidente politico, era fuggito dal Regno Unito dove pende a suo carico una condanna a 22 mesi di carcere per oltraggio alla Corte.

Non ci risulta

“Non ne sappiamo nulla”: fonti della procura di Grasse, nel sud della Francia, interpellate dall’ANSA, hanno risposto cosi’ a chi chiedeva una conferma sull’arresto a Cannes del kazako Mukhtar Ablyazov. “Ci sembrerebbe strano perche’ tutto passa da noi”, ha aggiunto la fonte.

Era con la sorella

Al momento dell’arresto, il dissidente kazako Mukhtar Ablyazov si trovava con la sorella Gaukhar Ablyazova, la quale dopo il fermo ha avvertito gli altri membri della famiglia. Lo riferisce l’avvocato della famiglia kazaka, parlando con il Financial Times. Il legale, che ha chiesto di poter rimanere anonimo, spiega che Ablyazov era in Francia con un passaporto emesso dalla Repubblica Centrafricana.

Ricercato

Ablyazov, ex ministro dell’Energia, divenuto feroce oppositore del presidente Nursultan Nazarbayev, è anche ricercato in Kazakhstan per accuse relative alla bancarotta della sua ex banca Bta e a riciclaggio di denaro.

Accolto come rifugiato politico in Gran Bretagna nel 2011, di Ablyazov si erano perse le tracce poco prima della fine di maggio quando aveva fsteggiato il compleanno in un locale nel quartiere Infernetto a Roma.

Bonino non riceve ambasciatore

Il ministro degli Esteri Emma Bonino “non ritiene opportuno ricevere l’ambasciatore del Kazakistan” che, rientrato in Italia dalle vacanze, ha chiesto un incontro con lei, il presidente Casini e il presidente Cicchitto. Lo ha detto il titolare della Farnesina alle Commissioni Esteri e Senato.