CASINO’: MACAO SBANCA LAS VEGAS

24 Gennaio 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Le entrate generate dal gioco d’azzardo a Macao sono balzate del 22 per cento l’anno scorso, superando quelle della Strip di Las Vegas e facendo dell’ex colonia portoghese il maggiore mercato mondiale dei casinò. Il fatturato delle case da gioco della città cinese è salito a 6,95 miliardi di dollari, secondo il sito web dell’authority di settore.

Secondo le stime degli analisti, le entrate dei casinò di Las Vegas l’hanno sono non hanno superato i 6,6 miliardi di dollari. Dunque nel 2006 c’è stato lo storico sorpasso. I proventi dal gioco d’azzardo di Macao hanno iniziato a impennarsi nel 2004, con l’ingresso di investitori stranieri quali la Las Vegas Sands Corporation di Sheldon Adelson e la Galaxy Casino, che hanno posto fine a 40 anni di monopolio del miliardario Stanley Ho sulle case da gioco della città.

«Macao cresce ad un ritmo molto più rapido dello Strip di Las Vegas», ha affermato Rob Hart, strategist di Morgan Stanley a Hong Kong, secondo cui il fatturato di Las Vegas nel 2006 si è attestato a 6,5 miliardi di dollari. «Ci sono molti nuovi casinò che apriranno quest’anno» nella ex colonia portoghese. Sette sale da gioco hanno aperto i battenti l’anno scorso, facendo salire il totale di quelle in attività a 24. Il numero di tavoli da gioco è raddoppiato l’anno scorso a 2.762, secondo il sito web del Gaming Inspection and Coordination Bureau di Macao.

Hai gia’ provato le quotazioni in tempo reale e il book a 15 livelli dei 3200 titoli del NASDAQ? Non morire di noia con le 299 azioni di Borsa Italiana, scopri le eccezionali performance di BOOK NASDAQ, cliccando su INSIDER

Ma il boom della città che si affaccia sul Mar Cinese Meridionale non si limita ai proventi del gioco d’azzardo. Secondo gli ultimi dati diffusi la scorsa settimana dalle autorità locali, il 2006 è stato un anno boom anche per i flussi turistici. Il miglior risultato di tutti i tempi: così Joao Manuel Costa Antunes, a capo del Tourist Office di Macao, definisce il bilancio del 2006, con quasi 22 milioni di turisti in arrivo, il 17% in più sul 2005. I tre mercati principali rimangono sempre la Cina continentale, con 11,98 milioni di arrivi e una crescita del 14%, Hong Kong con 6,94 milioni di turisti, a +23%, e il resto della Cina con 1,43 milioni di arrivi. Dalla Cina continentale giunge il 50% del totale dei visitatori di Macao. Gli hotel sono in tutto 83, con circa 13mila camere.

Copyright © Bloomberg – Finanza&Mercati per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved