Caos Italia: Merkel chiama Berlusconi: “approvate la manovra”

11 Luglio 2011, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Milano – È necessario che l’Italia dimostri che sta affrontando le riforme di bilancio, necessarie a restituire fiducia alla zona euro. La cancelliera tedesca Angela Merkel interviene a proposito della delicata congiuntura finanziaria che l’Italia sta affrontando in questi giorni. Lo fa con una telefonata al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, in cui si dice convinta che Roma procederà con le riforme ma che deve mandare con urgenza dei chiari segnali.

L’approvazione della manovra economica da parte del Parlamento sarebbe “un segnale molto importante”, secondo il cancelliere tedesco. “Penso – ha detto – che un segnale molto importante, che potrebbe essere inviato proprio dall’Italia, sarebbe l’approvazione del provvedimento che includa i risparmi di spesa necessari e il risanamento del bilancio”.

I vertici finanziari della zona euro sono impegnati in una riunione straordinaria sia sulla Grecia sia sul peggioramento della situazione italiana, in seguito all’acutizzarsi dei timori di un contagio della crisi del debito sovrano. La Merkel rassicura comunque che la Germania e l’Europa faranno tutto quello che è necessario per difendere l’euro: per la cancelliera la moneta europea è «stabile» nonostante i problemi di alcuni Paesi con il debito.

NAPOLITANO – Sulle «turbolenze dei mercati» interviene anche il capo dello Stato: «Oggi più che mai dovrebbe sprigionarsi nel nostro Paese un impegno di coesione nazionale di cui c’è bisogno per affrontare le difficili prove che sono all’ordine del giorno». L’appello viene pronunciato al Viminale, in occasione della cerimonia per i cento anni del palazzo sede del ministero dell’Interno.

«Complimenti vivissimi ai miei vecchi colleghi» premette Napolitano, già ministro dell’Interno nel primo governo Prodi. E aggiunge: «Cerchiamo di dare una mano anche al di fuori di questo palazzo. Credo sia nostro sforzo comune e parte integrante, ha fatto bene a dirlo la dottoressa Marcegaglia, di un impegno che dovrebbe più che mai in questo momento sprigionarsi nel Paese, nella società e nelle istituzioni. Un impegno di coesione nazionale – conclude – di cui c’è indispensabile bisogno per affrontare e superare le difficili prove che già sono all’ordine del giorno».

MARCEGAGLIA – In precedenza, anche la presidente di Confindustria – lei stessa al Viminale – aveva invitato ad approvare subito la manovra, con spirito di unità nazionale. «A maggior ragione con gli spread btp-bund ai massimi, la manovra economica va approvata subito, nel più breve tempo possibile e i saldi non vanno cambiati minimamente – è la raccomandazione di Emma Marcegaglia -. Sarebbe una follia perdersi in contrasti all’interno della maggioranza e anche le opposizioni devono unirsi e lavorare con il governo. In un momento come questo è fondamentale la coesione e non far prevalere personalismi e lotte politiche».

Copyright © Il Corriere della Sera. All rights reserved