Cambiamenti climatici entrano nell’agenda della BCE, le opzioni sul tavolo

15 Novembre 2019, di Mariangela Tessa

cambiamento climatici diventano sempre più centrali nelle politiche future dalla Banca centrale europea. Tanto che l’istituto di Francoforte sta considerando l’eventualità di includere i rischi del cambiamento climatico nei futuri stress test sulle banche. È quanto ha detto il vicepresidente Luis De Guindos, durante il suo intervenuto a una conferenza di Bnp Paribas a Londra.

“I cambiamenti climatici coinvolgono molti attori e le banche centrali devono fare la loro parte”, ha detto De Guindos, aggiungendo che “abbiamo iniziato a considerare di includere i possibili rischi dovuti ai cambiamenti climatici nello scenario avverso degli stress test (del settore bancario)”.

Una metodologia per il calcolo dei rischi legati ai cambiamenti climatici non è ancora completamente sviluppata, pertanto è improbabile che venga inclusa nello stress test dell’Autorità bancaria europea del prossimo anno, ma potrebbe essere applicata nel 2022.

BCE divisa in due sulle azioni da intraprendere

Che il cambiamento climatico abbia profondi risvolti nel sistema finanziario  non c’è dubbio. Resta tuttavia aperto il dibattito su come le istituzioni di politica monetaria debbano rispondere alla nuova sfida. Secondo quanto riporta un editoriale di qualche settimana fa del Financial Times, all’interno dell’istituto di Francoforte ci sono al momento due scuole di pensiero.

La prima, meno radicale, è ben espressa dall’opinione di Patrick Honohan, ex governatore della banca centrale irlandese, secondo cui le banche centrali dovrebbero applicare gli stessi standard che le stesse chiedono di adottare alle banche private per gli acquisti di obbligazioni, evitando così di iniettare finanziamenti soldi in attività dannose per l’ambiente.

La seconda opzione, più radicale, sostenuta dagli ambientalisti, è che le banche centrali finanzino direttamente la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio. Una sorta di “QE verde”, insomma, che porterebbe la BCE a comprare obbligazioni societarie direttamente da società di energia rinnovabile.

Un’opzione, quest’ultima, rigettata da Jens Weidmann, governatore della banca centrale tedesca, che ha chiesto alla politica della Banca centrale europea di attenersi al principio di “neutralità del mercato” e di respingere un programma di “allentamento quantitativo verde”.