Bto Research, quando i giovani guidano l’innovazione

29 Ottobre 2019, di Redazione Wall Street Italia

Quando l’innovazione è una scommessa guidata dalla volontà di un gruppo di giovani o giovanissimi, è difficile non pensare alle molte startup italiane che sono riuscite ad imporsi anche fuori dai confini italiani.

Non sempre, tuttavia, l’innovazione fa parlare di sé solo quando a guidarla è un’idea imprenditoriale. A volte i fari si accendono su quell’attività di consulenza strategica che proprio dell’innovazione fanno la loro premessa necessaria. È il caso dell’italiana BTO Research, una realtà nata per supportare le imprese negli ambiti ICT e Digital che vede fra i suoi clienti le più importanti imprese del nostro Paese e le più grandi corporate internazionali con una presenza in Italia.

BTO svolge attività di ricerca applicata, a supporto dell’innovazione organizzativa e di business, attraverso la leva digitale e tecnologica, in tutti i settori di business, con una prevalenza nel finanziario e nel banking. In questo senso l’obiettivo primario è proprio aiutare le imprese in settori strategici ed innovativi dell’ICT.
Le attività si concretizzano, prevalentemente, in studi e ricerche indipendenti e immediatamente applicabili dal management per affrontare le proprie esigenze strategiche, organizzative e tecnologiche. BTO assiste le imprese anche nella loro implementazione, con robuste metodologie di ridisegno organizzativo e supporto operativo ai progetti.

 

“BTO è stata concepita come un centro di ricerca applicata che vuole essere un ponte tra due mondi che fanno fatica a parlarsi: università e business”, dichiara Florenzo Marra, oggi General Manager della società, “BTO svolge il ruolo di interprete dei cambiamenti e guida le imprese italiane ed europee all’interno del mondo dell’innovazione tecnologica, supportandole con la conoscenza e con le soluzioni che provengono dal mondo accademico.
Ha l’obiettivo di accreditarsi sempre più nel panorama dell’offerta di servizi di ricerca e consulenza per il business come partner esperto, dinamico e affidabile nei progetti di “digital reinvention delle imprese”.

 

Le origini milanesi

Nata nel 2004 come Srl, BTO Research è rapidamente cresciuta fino a diventare Spa nel 2016, con una rete che oggi comprende diverse sedi: in Italia Milano, Roma e Torino, in Europa Vienna, Lussemburgo, Monaco di Baviera e Parigi. BTO è un’azienda fresca e giovanissima: gli oltre 300 collaboratori dipendenti del centro di ricerca hanno un’età media di 27,5 anni, con un management completamente under 35.
A questi però vanno aggiunti i membri del network accademico vicino a BTO, che accompagnano i giovani con la loro esperienza e seniority garantendo affidabilità: oltre 80 professori da tutto il mondo e dai principali laboratori di ricerca universitari impegnati sul digitale.

Secondo Marra, la scommessa sui giovani continuerà ad essere parte del DNA di BTO SpA: “La nostra crescita costante è la dimostrazione della necessità di continuare a innovare e a investire su giovani talenti che sanno cogliere le opportunità”, ha affermato, “i giovani sono la vera anima di questa società e noi continuiamo a credere in loro”.

Le tre aree di riferimento, nel modello di offerta BTO sono: Inspiration per abilitare l’evoluzione di cultura e competenze in digitale (learn deeper)  Research per accelerare la comprensione delle nuove direzioni della trasformazione (transform faster)  e Consulting (per rendere ancor più efficienti e affidabili progetti e processi (run faster).
Insieme, accompagnano le imprese lungo tutto il ciclo di vita dell’innovazione

 

Per l’attività di consulenza svolta da BTO Research i riconoscimenti non mancano. Nel 2016, BTO Research ha meritato da Confindustria il “Premio X Innovazione”, destinato alle imprese che accrescono il proprio vantaggio competitivo, per l’appunto, attraverso l’innovazione.

Nello stesso anno il Centro di Ricerca è stato insignito anche del “Premio dei Premi”, istituito dal Consiglio dei ministri, “per la pianificazione strategica dei progetti di innovazione, fortemente integrata con le politiche e le strategie aziendali, che ha consentito all’azienda di conseguire significativi risultati finanziari”.
Il premio è stato consegnato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella direttamente nelle mani di Florenzo Marra, ancora orgoglioso di quel momento.

Infine, il più recente e sfidante riconoscimento del valore di BTO viene da Borsa Italiana, che nel 2018 ha inserito il Centro di Ricerca nel “Programma Elite” che comprende 50 eccellenze del nostro Paese.
Si tratta di un programma di affiancamento alle imprese, sostenuto da Confindustria, che attraverso iniziative di formazione e tutoraggio, le accompagna in un processo di cambiamento culturale e organizzativo, le avvicina ai mercati di capitali, le inserisce in un network internazionale, ne rafforza la capacità di competere, ne migliora la governance e i rapporti con investitori qualificati.