Brexit: la vittoria di Biden cambierà le sorti dell’accordo Ue-UK?

9 Novembre 2020, di Mariangela Tessa

La vittoria di Joe Biden nella sfida elettorale per la Presidenza Usa avrà conseguenze sulla Brexit? Per ora è difficile dare una risposta certa. Quello che sembra certo, a parere di molti osservatori, è che il nuovo inquilino della Casa Bianca non sosterrà il premier britannico Boris Johnson, come invece aveva fatto Donal Trump, nelle sue minacce di lasciare il tavolo negoziale senza un accordo.

Di origini irlandesi, JoeBiden ha sempre detto senza mezzi termini che non potrà esserci nessun patto commerciale con Londra se la Brexit minaccerà la pace in Irlanda del Nord, raggiunta nel 1998.

E in questo senso, una Brexit senza accordo, rappresenterebbe una miccia, potenziale in grado di riaccendere le violenze nella regione. Ecco perché, con Biden alla Casa Bianca, è possibile che il leader conservatore britannico cerchi di arrivare a un accordo con l’Unione Europea.

Brexit restano divergenze, mentre il tempo stringe

Le ultime notizie sembrano solo in parte incoraggianti. Se appare chiara la volontà di raggiungere un’intesa, seppure minima, le divergenze restano.

“Abbiamo fatto il punto dei negoziati con il premier Boris Johnson, alcuni progressi sono stati fatti, restano grandi differenze soprattutto sulle condizioni eque di accesso e la pesca. I nostri team continuano a lavorare duramente la prossima settimana. Rimaniamo in stretto contatto nei prossimi giorni”: ha scritto su Twitter la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, dopo una telefonata avuta con il primo ministro britannico durante il fine settimana.

Le due parti hanno concordato che le loro delegazioni continueranno a incontrarsi a Londra a partire da oggi, allo scopo di “raddoppiare gli sforzi per raggiungere un’intesa”.

Tutto questo mentre il tempo stringe. L’eventuale intesa andrebbe raggiunta entro metà o al massimo fine novembre, perché poi i rispettivi parlamenti dovrebbero ratificarla prima del 31 dicembre, la data già prevista in cui la Gran Bretagna uscirà dalla Ue.