BPI STABILE IN BORSA (+2,9%) DOPO DECISIONI GIP

di Redazione Wall Street Italia
2 Agosto 2005 14:34

Banca Popolare Italiana si mantiene in deciso rialzo (+2,94% a 8,24 euro) a Piazza Affari, senza grandi variazioni dopo la decisione del gip di Milano Clementina Forleo di convalidare il sequestro delle azioni Antonveneta (+0,79% a 25,36) in mano alla banca di Gianpiero Fiorani.

Il gip Clementina Forleo, che ha convalidato il sequestro di oltre 40% di Antonveneta in mano a Popolare Italiana e alleati, ha disposto anche il sequestro di plusvalenze realizzate da alcuni concertisti sempre su titoli Antonveneta. Lo dice una fonte giudiziaria, senza precisare chi siano i soggetti colpiti dal sequestro delle plusvalenze.

Sulla scalata ad Antonveneta i pm di Milano Eugenio Fusco e Giulia Perrotti conducono un’inchiesta con le ipotesi di reato di aggiotaggio, insider trading e ostacolo alla Consob.


________________________________________________


Il Gip milanese Clementina Forleo ha convalidato il sequestro del 40% di azioni Antonveneta in mano ai cosiddetti “concertisti” disposto dalla Procura il 25 luglio scorso. Forleo ha depositato il provvedimento intorno a mezzogiorno. Di fatto, dopo il sequestro delle azioni dei concertisti, la sospensione delle offerte da parte della Consob e il ritiro delle autorizzazioni alle offerta da parte della Banca d’Italia, la strada di Gianpiero Fiorani per la conquista di Antonveneta si è notevolmente complicata. Abn Amro punta ancora al controllo di Antonveneta.

Il presidente Rijkman Groenink è stato chiaro sull’argomento: “Siamo disposti a lavorare per una soluzione che porti Banca Antonveneta in Abn, ma deve essere una soluzione supportata dalle autorità italiane”, ha spiegato ieri nel presentare i dati semestrali del gruppo olandese, auspicando che le autorità italiane trovino rapidamente una soluzione.

La Consob avvierà nel pomeriggio le audizioni dei soggetti coinvolti negli acquisti di concerto su Antonveneta, a cominciare dalla Banca popolare Italiana, dalla Magiste di Stefano Ricucci e dalle società di Emilio Gnutti, fino ai fratelli Lonati e a Danilo Coppola. Le offerte, al momento, sono state sospese e la Consob ha novanta giorni di tempo per pronunciarsi su di esse.

L’appuntamento più importante, tuttavia, è la convocazione in Banca d’Italia del presidente e dell’a.d. di Bpi, Giovanni Benevento e Gianpiero Fiorani, e del presidente del collegio sindacale, Gianandrea Goisis fissata per mercoledì prossimo 3 agosto. Via Nazionale ha deciso la sospensione delle autorizzazioni concesse all’opa obbligatoria e all’opas di Bpi considerando necessari “alcuni approfondimenti”. E sempre per il 3 agosto, in Consiglio dei Ministri, è attesa la relazione del titolare del dicastero dell’Economia Domenico Siniscalco su Antonveneta.