Bot ai minimi, ecco dove parcheggiare la liquidità

13 Febbraio 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Sempre più in basso. I Bot annuali, il parametro nazionale per calcolare la remunerazione della liquidità , oggi rendono lo 0,676% lordo. All’asta di metà gennaio pagavano lo 0,735%. Una buona notizia per le casse del Tesoro, che dovrà sborsare meno interessi e anche, in seconda battuta, per i cittadini con il cappello da contribuenti. Più complicata, invece è la prospettiva degli stessi cittadini se si mettono la casacca dei Bot people. Il rendimento semplice netto, cioè depurato delle commissioni e delle tasse, scende infatti al quasi invisibile 0,288% (dati Assiomforex)., un tasso che non arriva a coprire nemmeno la metà della pur freddissima inflazione (0,656% l’ultima rilevazione di gennaio).

Le strategie. Che cosa può fare chi desidera un rendimento della liquidità? Se l’obiettivo è un parcheggio non impegnativo (e quindi un tempo breve) ci si può spostare sui Btp a due anni, che offrono l’1,40% lordo circa. Per avere più del 2% lordo bisogna spingersi fino ai Btp che scadono nel 2018 e che quindi non sono più un parcheggio di brevissimo termine ma un investimento a tre-quattro anni. Al netto delle tasse, anche scegliendo i Btp «medi», si scende comunque sotto il 2% che non è molto, anche se la scarsa dinamica del costo della vita aiuta (per il momento) chi risparmia. Anche il decennale durante la giornata è tornato a rendere il 3,6% lordo. Insomma se siamo di fronte a una nuova tendenza, assolutamente positiva per il futuro dell’Italia, chi ama investire in titoli pubblici deve prepararsi a prezzi più elevati e a rendimenti più avari.

L’alternativa. I conti di deposito vincolati, quelli offerti on line da banche virtuali e non, sono decisamente meno generosi di un anno fa, ma continuano ad offrire remunerazioni lorde molto competitive per i privati che cercano alternative ai Bot. In media superano il 2% lordo in certi casi arrivano oltre il 3%. Le promozioni vanno però capite bene: a volte il tasso elevato vale solo per un breve periodo e non su base annuale. Nel caso dei depositi vincolati le tasse vanno calcolate al 20% sugli interessi (i Bot pagano il 12,5%). E poi c’è la mini patrimoniale (0,2% nel 2014) che colpisce tutti. Anche i Bot people.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Il Corriere della Sera – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © Il Corriere della Sera. All rights reserved