BOSSI: SIAMO TROPPO GIOVANI PER UN PREMIER LEGHISTA

15 Aprile 2010, di Redazione Wall Street Italia

“Siamo troppo giovani”. Cosi’ il ministro delle Riforme, Umberto Bossi, ha commentato l’ipotesi di un premier leghista. La Lega quindi evita la concorrenza a Berlusconi per Palazzo Chigi. Questo e’ il risultato dell’incontro di ieri sera tra Bossi e Berlsconi. Ma sulle banche il Senatur non molla. “Chi e’ intelligente ha capito che abbiamo vinto tutto e fatalmente ci tocchera’ anche una fetta di banche”, ha detto Umberto Bossi.

“La legge elettorale funziona se la gente va a votare e con l’attuale la gente va a votare. Non c’è nessun altro Paese dove la gente vada a votare così”. Con queste parole il leader della Lega, Umberto Bossi, ribadisce il suo no a una modifica del sistema elettorale auspicata tra gli altri dal presidente della Camera, Gianfranco Fini. “Certo che – aggiunge Bossi – se poi uno vuole vincere attraverso la legge elettorale è dura. Deve convincere la gente a votarlo”.

(In fase di scrittura)