Borse rischiano di toccare nuovi minimi, non reggeranno ad aumento tassi

11 Aprile 2018, di Mariangela Tessa

Fine della festa nell’azionario. Nella lista dei pessimisti sul futuro del mercato azionario americano si aggiunge Peter Boockvar, Chief Investment Officer di Bleakley Advisory Group, secondo cui la fine dell’era del denaro facile da parte delle principali banche di affari trascinerà in basso i mercati.

“Ci stiamo muovendo velocemente verso un inasprimento della politica monetaria”, ha detto in un’intervista alla Cnbc, spiegando che la fine del quantitative easing negli Stati Uniti e in Europa aumenterà i rischi di vendita nell’azionario.

Nessun aiuto arriverà dalla stagione delle trimestrali, che è alle porte.

“Siamo così abituati a questo livello artificialmente basso dei tassi, che il mercato non reggerá il colpo”, ha aggiunto Boockvar, sottolineando di avere poca fiducia nel fatto che una stagione di utili forti nel primo trimestre possa attirare acquisti nell’azionario, perché i buoni risultati sono già scontati sul mercato.

In un contesto poco promettente per le Borse, Boockvar consiglia un approccio diversificato ai clienti, aggiungendo di essere molto ottimista sull’oro e sull’argento come protezione contro ulteriori vendite del mercato azionario.

La posizione di Boockvar è in contrapposizione rispetto a quella di Grace Peters, stretegist presso JP Morgan Private Bank, che, pochi gioni fa, durante un’intervista alla Cnbc, ha detto di aspettarsi un aumento delle quotazioni delle Borse e in particola di una crescita del 10% dei prezzi a Wall Street entro fine anno, proprio grazie al sostegno di buoni risultati dei bilanci societari del primo trimestre.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 10 Aprile 201814:23

A metà seduta Paizza Affari scambia in lieve rialzo, con il listino delle blue chip Ftse MIB che guadagna lo 0,15% circa. Guida il listino milanese Telecom Italia con un rialzo di oltre il 3%. Positivi anche Stm, Prysmian, Saipem ed Exor. In calo invece Banco Bpm, Ubi Banca, A2a e Snam.

Daniele Chicca 10 Aprile 201814:24

Crescita a passo stabile per l’area Ocse nel suo insieme, ma avvisaglie di un minore slancio nella zona euro e nei suoi maggiori Paesi. Lo indica il superindice dell’Ocse che mira ad anticipare le svolte rispetto al trend dell’attività economica nei prossimi 6-9 mesi nell’area che riunisce i 35 Paesi industrializzati.

Daniele Chicca 10 Aprile 201814:27

Sui mercati valutari il rublo cede l’8% e oltre in due sedute e il panico dopo le nuove sanzioni imposte venerdì contro la Russia si diffonde a macchia d’olio anche nel mercato obbligazionario.

Daniele Chicca 10 Aprile 201815:50

La promessa del presidente cinese di aprire il mercato alle aziende straniere e l’impegno a ridurre i dazi su alcuni prodotti importati, tra cui le auto, hanno alleviato le tensioni commerciali tra Cina e Usa. Uno strategist fa notare che l’intervento di Xi Jinping è stato “conciliatorio” nei toni e contenuti e ha tutte “le sembianze di una de-escalation del conflitto” con gli Stati Uniti. Ed è proprio “ciò che vogliono i mercati“.

In avvio di contrattazioni il Dow Jones guadagna 400 punti, trainato al rialzo da Intel, il titolo più positivo dell’indice delle blue chi. Il listino allargato S&P 500, intanto, avanza dell’1,3%, con tutti gli 11 settori in rialzo e il comparto energetico che viene favorito dai rialzi delle quotazioni del petrolio. L’Arabia Saudita ha detto di puntare a prezzi intorno agli 80 dollari al barile. Anche i tecnologici oggi sono comprati, con il Nasdaq in progresso dell’1,2% in questo momento.

Daniele Chicca 10 Aprile 201818:22

Piazza Affari chiude la seduta di oggi in rialzo, il listino Ftse MIB guadagna lo 0,5% circa. In cima al listino si collocano Telecom Italia, Stm, Prysmian, Tenaris, CNH Industrial ed Exor. In calo invece A2a, Banco Bpm, Snam, Moncler e Terna.

Daniele Chicca 10 Aprile 201818:30

A febbraio 2018 la produzione di auto in Italia ha segnato un calo del 7% rispetto a febbraio 2017. È quanto emerge dai dati preliminari elaborati dall’’ANFIA. -8% invece per il dato relativo il primo bimestre. Positivo invece il dato della produzione dell’industria automotive nel suo insieme. ““La produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme, riporta a febbraio 2018 un incremento dell’1,9%, leggermente più contenuto rispetto a quello di gennaio (+2,3%)”, ha commentato Gianmarco Giorda, Direttore di ANFIA. “La chiusura del primo bimestre del 2018 rimane quindi positiva, con una crescita tendenziale del 2,1%”.

Daniele Chicca 11 Aprile 201810:02

Avvio in calo mercoledì 11 aprile per le Borse europee, anche se le notizie di un’apertura ai mercati internazionali da parte della Cina favoriscono alcuni settori. Da monitorare ci sono le tensioni geopolitiche in Siria e le attività di politica monetaria, con l’intervento a Francoforte del presidente della Bce Mario Draghi e i verbali del meeting Fed del 20 e 21 marzo.

Focus anche sulla stagione delle trimestrali al via e sui dati sull’inflazione Usa. Lo Spread tra Btp e Bund decennali scambia sopra i 127 punti base in vista di numerose aste, compresa quella di Bot. Tra i singoli gruppi, in giornata sarà presentato al tribunale di Milano il ricorso d’urgenza da parte di Telecom Italia.

Daniele Chicca 11 Aprile 201810:04

La Cina sembra intenzionata a sotterrare l’ascia nella guerra commerciale con gli Stati Uniti e questo favorisce le materie prime come il petrolio. Sale anche l’oro, ma non altri beni considerati rifugio come lo yen giapponese e i Treasuries americani.

Daniele Chicca 11 Aprile 201810:11

Secondo Jeff Gundlach, che con la sua società di gestione DoubleLine Capital è responsabile di $100 miliardi di asset, l’oro è correlato in maniera negativa con il dollaro. “L’oro si è portato sopra la sua trendline ribassista”, spiega il “Re dei Bond” come viene soprannominato a Wall Street.

Ora c’è da attendersi una “rottura sopra la linea di resistenza pluriennale”. Si sta parlando di un evento spartiacque sui mercati, perché potrebbe voler dire per l’oro un guadagno di migliaia di dollari. “Se si rompe il livello di resistenza, ci si può aspettare che l’oro avanzi di mille dollari”.

Dal punto di vista tecnico è ormai da quattro anni e mezzo che le quotazioni scambiano sotto i 1.325,32 dollari l’oncia (vedi grafico). È una struttura “molto interessante” dal punto di vista tecnico. “È un periodo ideale per comprare oro. In un modo o nell’altro è destinato a violare la barriera al rialzo” e farlo in grande stile.

Daniele Chicca 11 Aprile 201818:10

Decisa accelerazione rialzista del petrolio, con il Wti che avanza di oltre il 2,4% a USD 67,14 al barile e il Brent che segna un +2,76% e oltrepassa quota USD 73 al barile. Ad accendere le quotazioni del petrolio è il tweet postato dal presidente americano Donald Trump in cui ha detto alla Russia di prepararsi all’arrivo di nuovi missili in Siria.

Daniele Chicca 11 Aprile 201818:10

Piazza Affari chiude la seduta di oggi in calo, il Ftse Mib perde lo 0,6% circa. In fondo al listino Exor, Telecom Italia, Mediaset, Leonardo e Brembo. In rialzo invece Saipem, Tenaris, Ferragamo, Moncler e Unipol.