BORSE UE: POSITIVE PARIGI E FRANCOFORTE

11 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

(la notizia si riferisce alle 13 ora italiana)

Dopo un avvio positivo per tutte, le Borse europee a metà seduta mostrano di non avere una direzione univoca.

Parigi (+0,90%)e Francoforte (+0,80%) viaggiano in territorio positivo mentre Londra cede l’1,27% e lo Smi di Zurigo lo 0,65%.

A Parigi, così come a Milano sebbene per altre operazioni, la febbre da Internet sta tenendo banco dopo l’accordo Microsoft e Cap Gemini. Il comparto high tech è trainato anche dalle prospettive di risultati positivi per Bull (+21,10%).

Tra i media in evidenza Hachette Filipacchi (+6,7%) dopo l’annuncio dei dati mentre Thomson multimedia è sospesa per eccesso di rialzo.

A Francoforte Mannesmann cresce (+5,2%) ma sono soprattutto i bancari a sostenere l’indice: Dresdner Bank +3,82%, Commerzbank +6,62% dopo le voci della vigilia di una possibile opa (offerta pubblica di acquisto) di Abn Amro.

Londra continua a essere depressa all’indomani della decisione della Banca centrale di alzare i tassi di 25 punti base. Vendite su Bt (-5,36%). In controtendenza Cable and Wireless (+11%), sulle voci che la divisione di Hong Kong possa diventare preda di altri Gruppi. I bancari arretrano dopo i risultati inferiori alle attese di Lloyds Tsb (-5,26%).