BORSE UE PESANTI, PESANO NOKIA E INFINEON

21 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Le borse europee sono in deciso ribasso. I mercati del Vecchio Continente sono appesantiti dal calo dei tecnologici (-4,21%), che ha indebolito anche telefonici (-1,95%) e media (-1,42%).

Gli indici Eurostoxx segnalano lettera anche su auto (-0,88%), industriali (-1,26%) e assicurativi (-1,08%).

Oggi è arrivato il downgrade di Morgan Stanley, che ha giudicato il titolo “Underperformer”, con target sul prezzo a €15. Una valutazione opposta a quella di Deutsche Bank, che giudica il titolo “Strong buy” a €39,5. In questo momento il titolo è scambiato alla borsa di Helsinki a €23,99 (-5,74%). Il colosso telefonico finlandese annuncerà giovedì gli utili relativi al quarto trimestre 2001. Secondo le stime del mercato gli utili saranno compresi tra €1,41 e €1,46 miliardi, contro gli €1,77 miliardi dello stesso periodo del 2000.

Il comparto è affossato anche dal previsioni di Infineon (-4,06%). La società ha detto che “i prossimi sei mesi per il mercato dei semiconduttori saranno incerti”.

A Francoforte il DAX è in calo dell’1,87%, appesantito da Infineon e dal calo di
Epcos (-4,56%), Siemens (-4,06%) e SAP (-3,57%).

Denaro su Bayer (+0,08%), MAN (+0,19%) e soprattutto Preussag (+2,59%).

A Parigi (-1,15%) Michelin è in rialzo dell’1,42%, mentre sono in ribasso Thomson Multimedia (-2,37%), STMicroelectronics (-3,54%) e Alcatel (-3,15%).

A Londra (-0,38%) tiene British Land (+3,35%), seguita da Hanson (+2,22%).

In calo Logica (-2,34%), ARM (-2,65%) e Cable&Wireless (-2,67%).