BORSE UE: MERCATI STANCHI, TUTTI IN NEGATIVO

23 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

I mercati non riescono a sollevarsi da questo stato di depressione che attanaglia i listini e li porta giù.

Non è bastato che le autorità monetarie, l’altro ieri, operassero una stretta ampiamente scontata; nè si sta dimostrando sufficiente la ripresa di ieri del Nasdaq, a New York. Gli operatori registrano stanchezza, carenza di spunti, rientro da alcune spinte speculative, mancanza di una decisa rotazione a favore di titoli più tradizionali, mentre però la New economy va a picco.

In Europa, dopo un inizio buono e un ripensamento che sembrava aver salvato Francoforte, ora anche la Piazza tedesca risulta in territorio negativo: il Dax infatti arretra dell’1,33, mentre Parigi va indietro dell’1,21%, Zurigo dello 0,92% e Londra dello 0,57%.