BORSE UE GIU’, L’ORSO CONTINUA A FARE DANNI

24 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Sul Vecchio Continente non si fermano le vendite indiscriminate su tutti i settori e sui tmt in particolare.

La partenza aveva fatto pensare a un possibile recupero tecnico, ma il trend ribassista sta avendo la meglio.

Le vendite interessano quasi tutti i settori: piatti gli energetici (+0,02%), vanno malissimo i media, che perdono il 4,47%, i tlc (-2,35%), assicurativi (-4,03%), bancari (-3,40%) e tech (-3,70%).

Sul settore pesano i dati di Corning e di Stmicroelectronics.

Il future sul Nasdaq è in forte calo.

Londra perde il 2,84%. Tiene Vodafone, che perde solo il 2,02% a 85 pence, mentre sprofondano Xstrata (-7,63%), Kingfisher (-8,89%), e Gus (-6,25%). Tiene Prudential (+1,43%)

Parigi (-3,62%) è appesantita Vivendi Universal (-7,17% a €14,75). Non fanno meglio gli altri Tmt come Orange (-4,55%), Stmicroelectronics (-4,76%) e Alcatel (-5,24%). Profondo rosso anche per Axa (-9,93%).

A Francoforte (-4,47%), proseguono le massiccie vendite su Epcos (-9,23%), Sap (-3,03%) e Infineon (-4,74%). Male anche Siemens (-3,09%). In denaro Deutsche Telekom (+0,95%), nonostante le accuse di una televisione tedesca di “perdite miliardarie nascoste nei bilanci”.