BORSE UE CHIUDONO IN PROFONDO ROSSO

16 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Giornata in netta flessione per tutte le Borse del Vecchio Continente che, come Piazza Affari, hanno subito le notizie negative provenienti dagli USA e l’andamento in netto ribasso di Wall Street.

Le vendite hanno interessato tutti settori e in particolare quello tecnologico per i profit warning di Nortel (NT – Nyse) prima e di Corning (GLW – Nyse) poi, ma anche quello telefonico sensibile al calo del Nasdaq, al momento in caduta libera, e ai downgrade su France Telecom e Deutsche Telekom.

La Piazza peggiore è stata quella di Parigi che si è fermata con il Cac in calo dell’1,86% a 5.598 punti. Poco distante Londra che ha chiuso a -1,55% a 6.101 punti. Francoforte non si sottrae dai ribassi e al momento cede l’1,40% a 6.499 punti. Il listino tedesco termina le contrattazioni alle 20:00.

In Francia il rosso ha investito in particolare Alcatel (-9,03%), ma anche France Telecom (-5,21%) ed STMicroelectronics (-6,04%).

Nella City inglese, ha resistito alle vendite British Telecom (+1,36%), mentre hanno perso terreno Colt (-4,83%), Vodafone (-4,97%) e Logica (-6,94%).

Anche sul listino tedesco cedono un po’ tutti i titoli tra cui Deutsche Telekom (-3,66%), E.On (-2,47%) e Siemens (-2,65%).