BORSE UE AFFOSSATE DA WARNING FORD E TMT

17 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Le Borse europee hanno chiuso in pesante calo un venerdì 17 dal quale forse non ci si poteva aspettare molto di più.

Stamattina le contrattazioni erano partite con discreti guadagni, fiduciosi che la crisi dei TMT fosse stata in parte assorbita.

Invece l’ottimismo ha lasciato il passo all’incertezza e l’apertura debole di Wall Street ha fatto il resto.

Gli indici Eurostoxx hanno segnalato le vendite maggiori su media (-2,60%), telefonici (-2,69%), tecnologici (-3,34%) e auto (-4,60%)

A Francoforte, che chiude le contrattazioni alle 20:00, il DAX ha ceduto il 2,86%.

Hanno chiuso in rosso Deutsche Telekom (-3,67%) e Man (-4,85%).

Infineon ha perso il 6,64%. Il titolo tecnologico ha subito le notizie non positive di Toshiba, che ha dichiarato di aspettarsi perdite “estremamente ingenti” nelle attività legate ai chip di memoria per computer.

Il DAX è anche depresso dal negativo andamento del comparto auto con i ribassi di DaimlerChrysler (-7,33%), BMW (-3,40%) e Volkswagen (-4,82%) dopo il warning di Ford Motor (F – Nyse).

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


Auto: Ford taglia 5.000 posti e lancia warning

Piccolo rimbalzo per Bayer che ha recuperato terreno (+1,03%) dopo le perdite derivate dal ritiro del farmaco Lipobay/Baycol. La decisione della società di posticipare a Settembre la sua quotazione sul mercato americano, originariamente prevista per febbraio, è stata vista positivamente dagli analisti del settore.

Londra è la Borsa che ha perso meno delle altre. Il FTSE ha chiuso in calo dello 0,87%.

Ha chiuso in rosso Carlton (-2,89%), mentre Arm Holdings ha guadagnato l’1,45%. Positiva anche la chiusura di Cable&Wireless (+0,62%), ottima performance di Marconi (+2,57%) che è tornato vicino quota 700 pence.

Anche a Parigi (-2,16% hanno prevalso le prese di beneficio da parte degli investitori.

In perdita i TMT fra cui Thomson Multimedia (-3,21%) dopo il profit warning della concorrente statunitense Scientific Atlanta (SFA – Nyse), France Telecom (-4,55%), STMicroelectronics (-2,63%) e Vivendi (-3,40%).