BORSE IN CRESCITA MA A PASSO LENTO

29 Aprile 2003, di Redazione Wall Street Italia

La debolezza congiunturale fa riemergere le differenze fra i membri dell’Unione europea, che acquistano nuovamente importanza nelle scelte dei gestori. La polmonite atipica raffredda gli ottimismi sull’Asia, mentre a livello settoriale si consolida la preferenza per i finanziari.

Le recenti spaccature sul Patto di stabilità fanno tornare alla ribalta le differenze, mai venute meno, tra i membri dell’Unione europea. Il fattore Paese acquista nuovamente importanza nelle scelte dei gestori, dopo che negli ultimi anni l’attenzione era stata rivolta prevalentemente ai settori. Circa il 73% dei fund manager intervistati da Morningstar nell’European Fund Trend, il sondaggio mensile sull’andamento dei mercati, condotto tra il 9 e il 17 aprile, è convinto che il fattore Paese sia da tenere sempre più in considerazione nelle scelte di investimento obbligazionario. La percentuale è leggermente inferiore per quanto riguarda l’azionario, attestandosi al 63%.

Le crescenti difficoltà di alcuni Paesi, come Francia, Germania, Italia e Portogallo, a rispettare i vincoli imposti dal Patto di Stabilità, in particolare il tetto del 3% del Pil per il deficit pubblico, inducono i manager a fare un passo indietro, dopo aver privilegiato negli ultimi anni strategie settoriali. La moneta unica non ha annullato le differenze tra i mercati dell’Unione e la debolezza congiunturale le ha fatte emergere con tutta evidenza, riportandole all’attenzione dei gestori.

Gli occhi sono puntati anche sul Regno Unito, che a breve dovrebbe di nuovo pronunciarsi sull’ingresso nell’euro. Da un punto di vista degli investimenti, circa i due terzi dei fund manager considera positivo un’eventuale decisione in questa direzione, mentre il 27% è neutrale e il 7% sfavorevole.

L’Asia perde fascino. Da inizio anno il continente asiatico (escluso il Giappone) è in cima alle preferenze dei gestori. La polmonite atipica e le tensioni nord-coreane sul programma nucleare però hanno raffreddato gli animi. Mentre il mese scorso, il 40% dei manager riteneva potesse essere il miglior mercato nei prossimi dodici mesi, in aprile la percentuale è scesa al 29%. E’ in crescita, invece, il favore per l’America Latina, che è balzato dal 5 al 14%. Al contrario, il Giappone continua ad essere la maglia nera per quasi la metà degli intervistati.

Borse a passo lento. I gestori sono ottimisti sul futuro delle Borse mondiali, ma hanno rivisto al ribasso le previsioni sui tassi di crescita. Mentre lo scorso mese il 44% stimava performance superiori al 10% nei prossimi dodici mesi, in aprile tale percentuale è scesa al 36%. Circa la metà è invece convinto che le performance saranno comprese tra il 5 e il 10%. I fund manager sono divisi su quale sarà la miglior piazza occidentale: il 26% scommette sull’Europa contro il 23% che punta sugli Stati Uniti. Tuttavia, è elevato anche il numero di pessimisti su questi mercati, che rappresentano il 21% per il Vecchio continente e il 18% per Wall Street.

Finanziari in ascesa. A livello settoriale, si consolida la preferenza per i titoli bancari ed assicurativi, che saranno i migliori per il 21% dei gestori, contro il 18% del mese scorso. Crescono i consensi anche per il comparto farmaceutico, che passano dal 10 al 16%. Utilities e beni di consumo sono, invece, considerati i peggiori rispettivamente da circa il 20% degli intervistati. Al di là dei settori, gli occhi sono rivolti alla ripresa economica e all’aumento degli utili, temi determinanti nelle scelte di investimento, perché la congiuntura continua a dare segnali di debolezza e la stagione degli utili è in chiaroscuro, nonostante i risultati superiori alle attese di alcuni colossi americani.

Corporate bond in gran spolvero. I minimi storici toccati dai titoli di Stato hanno determinato uno spostamento delle preferenze dei gestori per le emissioni societarie, che raccolgono il 96% delle preferenze contro il 92% del mese scorso. Quasi il 70% è inoltre convinto che saranno gli strumenti a breve (1-3 anni) a ottenere le migliori performance nei prossimi dodici mesi. Sul mercato valutario, l’euro è ancora una volta la moneta preferita, mentre il 42% dei manager è pessimista sul dollaro, contro il 34% di marzo, e il 37% è negativo sullo yen (39% a marzo).

Morningstar è leader mondiale nell’analisi e nella valutazione dei fondi d’investimento e negli strumenti analitici di supporto alle istituzioni finanziarie. Il sondaggio integrale è disponibile sul sito Morningstar.it

Hanno partecipato al sondaggio questo mese 70 società di gestione europee, la più grandi per asset under management, che gestiscono in media 50 miliardi di euro e hanno in batteria 78 fondi.