Borse in calo, euro vola: focus su Brexit e tetto al debito Usa

28 Agosto 2017, di Daniele Chicca

Borse in rosso a inizio settimana, con tutti i settori in difficoltà. Gli investitori si preparano a ricevere novità dal rinnovo dei colloqui tra Londra e Bruxelles sulla Brexit. Un particolare occhio di riguardo andrà anche all’andamento del petrolio, dopo che l’uragano Harvey ha fatto cinque morti, tanti danni e decine di feriti nell’area meridionale degli Stati Uniti. Sul Forex l’euro si rafforza ai massimi di due anni e mezzo sul dollaro favorito dai timori legati al tetto al debito negli Stati Uniti. Il governo Trump ha tempo fino a fine settembre per trovare un accordo per innalzare il livello, altrimenti si consumerà un temuto shutdown, ossia la paralisi delle attività federali.

Sul versante del reddito fisso, Bond spaesati in Europa, dopo che Mario Draghi non ha scoperto le carte al simposio di Jackson Hole. Draghi ha espresso fiducia nella ripresa dell’economia ma ha anche invitato ad avere pazienza, visto che servirà ancora del tempo per riportare l’inflazione verso il target inferiore ma vicino al 2%. Il banchiere italiano ha difeso le politiche ultra accomodanti della Bce, fatte di tassi ai minimi e piani di acquisto di Bond, dicendo che stanno dando l’esito sperato.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di Borsa nel mese di agosto sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 28 Agosto 201711:54

Piazza Affari sempre in difficoltà in una seduta che sarà caratterizzata da volumi bassi per via della chiusura della Borsa di Londra per festività. Il fatto che Draghi non abbia detto nulla al simposio di Jackson Hole per mettere un freno all’euro ha spinto la valuta unica ai massimi da due anni e mezzo sul dollaro.

Lo Spread tra i rendimenti decennali di Btp e Bund si stabilizza in attesa dell’asta di titoli Ctz. Tra le banche si muove in controtendenza Carige. Tra i settori il peggiore è quello delle risorse di base, su cui ha un impatto negativo la catastrofe causata dall’uragano Harvey in Texas.

Daniele Chicca 28 Agosto 201711:57

Oltre a provocare la morte di almeno sette persone l’uragano Harvey ha distrutto molte raffinerie petrolifere e portato all’interruzione della produzione di greggio. Nonostante questo il trend dei prezzi del petrolio non è positivo questa mattina. Il future sul Brent scambia in area $52,37 al barile mentre il contratto con scadenza analoga sul WTI scende in area $47,38.

Daniele Chicca 28 Agosto 201712:07

In generale sui mercati c’è un po’ di confusione e tanta incertezza dopo che Yellen e Draghi non hanno offerto alcuna nuova indicazione sulle politiche monetarie che intendono seguire in futuro e con la crisi politica dell’amministrazione Trump che rischia di alterare i piani ambiziosi pro crescita e pro aziende de presidente Usa.

Daniele Chicca 28 Agosto 201713:14

A giudicare dall’andamento dei futures sugli indici della Borsa Usa, Wall Street dovrebbe aprire gli scambi all’insegna dei ribassi oggi, con gli investitori che sono focalizzati su come il mercato energetico sta reagendo ai danni provocati in Texas dall’uragano Harvey.

Il petrolio è sotto pressione al momento con il contratto sul Wti americano che vale $47,40 al barile, mentre il future sul Brent quota circa 52,37 dollari al barile. Le Borse europee, invece, pagano il continuo rafforzamento dell’euro.

Daniele Chicca 28 Agosto 201713:29

A giudicare dall’andamento dei futures sugli indici della Borsa Usa, Wall Street dovrebbe aprire gli scambi all’insegna dei ribassi oggi, con gli investitori che sono focalizzati su come il mercato energetico sta reagendo ai danni provocati in Texas dall’uragano Harvey.

Il petrolio è sotto pressione al momento con il contratto sul Wti americano che vale $47,40 al barile, mentre il future sul Brent quota circa 52,37 dollari al barile. Le Borse europee, invece, pagano il continuo rafforzamento dell’euro.

Daniele Chicca 28 Agosto 201715:48

A Wall Street il Dow Jones ha aperto in rialzo con i titoli energetici che provano a rimbalzare dopo i cali subiti in vista dell’arrivo dell’uragano Harvey, che ha fatto danni e morti in Texas. Le raffinerie petrolifere stanno interrompendo le attività dopo le inondazioni del weekend.

I danni potrebbero equivalere alla perdita di più di 1 milione di barili al giorno nella sola area di Galveston, in Texas. Queste stime non tengono conto delle centinaia di migliaia di altri barili nella regione di Corpus Christi, sempre in Texas.

Daniele Chicca 28 Agosto 201715:48

A Wall Street il Dow Jones ha aperto in rialzo con i titoli energetici che provano a rimbalzare dopo i cali subiti in vista dell’arrivo dell’uragano Harvey, che ha fatto danni e morti in Texas. Le raffinerie petrolifere stanno interrompendo le attività dopo le inondazioni del weekend.

I danni potrebbero equivalere alla perdita di più di 1 milione di barili al giorno nelle sole aree di Houston e di Galveston, in Texas. Queste stime non tengono conto delle centinaia di migliaia di altri barili nella regione di Corpus Christi, sempre in Texas.

Daniele Chicca 28 Agosto 201715:53

A Wall Street il Dow Jones ha aperto in lieve rialzo, con i titoli energetici che provano a rimbalzare dopo i cali subiti in vista dell’arrivo dell’uragano Harvey, che ha fatto danni e morti in Texas. Le raffinerie petrolifere stanno interrompendo le attività dopo le grandi inondazioni del weekend.

I danni sono pesanti e potrebbero equivalere alla perdita di più di 1 milione di barili al giorno nella sola area di Galveston, in Texas. Queste stime non tengono conto delle centinaia di migliaia di altri barili nella regione di Corpus Christi, sempre in Texas.

Daniele Chicca 28 Agosto 201716:53

Il petrolio, in calo ai minimi dal 17 agosto, è l’osservato speciale del pomeriggio. Con le raffinerie della costa del golfo texano ferme a causa dell’uragano Harvey, la domanda per i barili WTI proveniente dalle raffinerie è in netto ridimensionamento.

Il contratto a più breve scadenza sul WTI americano cede 1,14 dollari in area $46,74. Nell’ultima ora ha perso quasi 80 centesimi pieni. Non è solo il contratto con scadenza ottobre a perdere terreno bensì anche tutti gli altri.