Borse incerte, dollaro in perdita prima della Fed

20 Settembre 2017, di Daniele Chicca

Sul mercato valutario le perdite del dollaro si fanno più ampie in attesa della decisione della Federal Reserve sulla riduzione dei piani di alleggerimento quantitativo. La riunione che si conclude oggi ha una valenza storica, con la banca centrale americana che si appresta a mettere gradualmente fine alle politiche di stimolo straordinarie, riducendo il bilancio ‘monstre’ da 4.500 miliardi di dollari, e ad avviare il processo normalizzazione dei tassi di interessi. Tra le Borse principali, Piazza Affari, che ieri ha raggiunto i massimi da dicembre 2015, è in lieve rialzo. Nuovi record per Wall Street nella seduta della vigilia.

Lasciate qui commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli operativi, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti sulle Borse li trovate nel LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 20 Settembre 20179:47

Avvio di contrattazioni altalenante per le Borse europee principali: il Ftse MIB fa +0,15% ma non tutte le piazze dell’azionario del continente sono positive (Madrid e Francoforte scambiano in rosso). A livello settoriale, richiesti i gruppi tlc, petroliferi e quelli attivi nelle risorse di base. In calo auto, immobiliare, retail e alimentari.

Daniele Chicca 20 Settembre 20179:49

I titoli di ThyssenKrupp viaggiano in rialzo dopo che il gruppo tedesco a deciso di unire le forze con il gigante indiano Tata Steel, creando così il secondo maggiore produttore di acciaio in Europa. L’operazione significa che in 4mila perderanno il posto di lavoro.

Daniele Chicca 20 Settembre 20179:49

I titoli del colosso ThyssenKrupp viaggiano in rialzo dopo che il gruppo tedesco a deciso di unire le forze con il gigante indiano Tata Steel, creando il secondo maggiore produttore di acciaio in Europa. L’operazione significa che in 4mila perderanno il posto di lavoro.

Daniele Chicca 20 Settembre 20179:50

Sul Forex, prima della Fed il dollaro Usa cede terreno contro euro e yen.

Daniele Chicca 20 Settembre 201710:11

Il titolo Telecom Italia sale più del resto del mercato dopo che la compagnia tlc ha deciso di impugnare la decisione della Consob che ha stabilito che Vivendi ha assunto il controllo de facto di Telecom. Il gruppo di Bolloré nega di avere una quota di controllo nell’azienda. Il governo italiano sta valutando l’opzione di fare ricorso all “golden power”, che potrebbe portare alla vendita di asset.

Daniele Chicca 20 Settembre 201710:11

Il titolo Telecom Italia sale più del resto del mercato dopo che la compagnia tlc ha deciso di impugnare la decisione della Consob che ha stabilito che Vivendi ha assunto il controllo de facto di Telecom. Il gruppo di Bolloré nega di avere una quota di controllo nell’azienda. Il governo italiano sta valutando l’opzione di fare ricorso al “golden power”.

Applicare la legge, disegnata per consentire allo Stato di difendersi da scalate ostili di entità straniere nei settori sensibili come difesa, sicurezza, energia e altri di “rilevanza strategica” come trasporti e comunicazioni, vorrebbe dire portare alla vendite di asset. 

Daniele Chicca 20 Settembre 201710:16

Il titolo Telecom Italia sale più del resto del mercato dopo che la compagnia tlc ha deciso di impugnare la decisione della Consob che ha stabilito che Vivendi ha assunto il controllo de facto di Telecom. Il gruppo di Bolloré nega di avere una quota di controllo nell’azienda. Il governo italiano sta valutando l’opzione di fare ricorso al “golden power”.

Applicare la legge, disegnata per consentire allo Stato di difendersi da scalate ostili di entità straniere nei settori sensibili come difesa, sicurezza, energia e altri di “rilevanza strategica” come trasporti e comunicazioni, vorrebbe dire opporsi alla cessione di asset o imporre condizioni precise ai termini della scalata. 

Daniele Chicca 20 Settembre 201710:24

Buzzi Unicem è tra gli altri titoli richiesti stamattina alla Borsa italiana (oltre +5%), favorito dall’ottimismo che circonda il comparto delle costruzioni dopo la cessione degli asset italiani di Cementir a HeidelbergCement, lo stesso gruppo tedesco che qualche tempo fa ha comprato Italcementi.

L’indice settoriale Ftse Italia “Construction & Materials:” guadagna il 3,51%. La stessa Cementir di casa Caltagirone guadagna il 6,89% dopo la vendita per 315 milioni di euro dei cinque impianti di cemento a ciclo completo italiani, dei due centri di macinazione e della rete. Si tratta di un’operazione che segue il complesso salvataggio di Sacci che alla fine finirà con tutto il perimetro italiano in mani tedesche.

Daniele Chicca 20 Settembre 201710:34

I mercati mondiali, che non sembrano preoccupati per la graduale riduzione dei piani di stimolo monetario della Fed, hanno raggiunto nella notte nuovi livelli record. L’indice MSCI All Country World si è portato a quota 487,66 punti, sopra i 487,37 punti di ieri.

The MSCI ACWI

Daniele Chicca 20 Settembre 201710:47

Sul Forex la sterlina si rafforza dopo la pubblicazione dei dati sulle vendite al dettaglio nel Regno Unito. In agosto i consumi sono andati molto meglio del previsto. L’ufficio di statistica nazionale ha infatti riferito che le vendite al dettaglio sono aumentate dell’1% il mese scorso rispetto a luglio, battendo le attese della City. Se confrontati con agosto 2016, i dati hanno visto una crescita del 2,4%.

Si tratta del 52esimo mese di fila con un rialzo su base annuale delle vendite al dettaglio. La sterlina ha registrato un’accelerazione nei confronti del dollaro Usa e ora quota $1,3587. I trader stimano che le cifre aumentino le probabilità di un incremento dei tassi di interesse a novembre da parte della Banca d’Inghilterra.

Daniele Chicca 20 Settembre 201715:38

Petrolio ben intonato nelle contrattazioni odierne dopo che l’Iraq ha annunciato che l’Opec e i suoi partner stanno prendendo in considerazione la possibilità di prolungare e forse persino aumentare i tagli alla produzione di greggio.

Il contratto sul Wti con scadenza novembre 2071 quota 50,44 dollari al barile al momento, mentre il future analogo sul Brent si attesta a 55,72 dollari (computo +1,02%). I prezzi del petrolio sono cresciuti di oltre il 15% sul mercato statunitense. Se i rialzi venissero confermati o consolidati fino a fine settembre, sarebbe il miglior terzo trimestre dal 2004.

Daniele Chicca 20 Settembre 201715:40

Apertura incerta per Wall Street nel giorno della decisione della Fed. Gli investitori preferiscono non correre troppi rischi prima di conoscere quali sono i piani di politica monetaria della banca centrale americana. l Dow Jones e l’S&P 500 segnano un rialzo irrisorio (+0,01%), mentre il Nasdaq scivola di un marginale -0,04%. I mercati azionari Usa rimangono comunque su livelli record.

Daniele Chicca 20 Settembre 201715:41

Se la Federal Reserve dovesse esprimere toni più aggressivi del previsto sui tassi di interesse e sulla riduzione del suo bilancio enorme da 4.500 miliardi di dollari, allora il dollaro Usa è destinato a rafforzarsi di molto dopo la debolezza riscontrata ultimamente. A dirlo è Fawad Razaqzada, analista presso Forex.com.

Daniele Chicca 20 Settembre 201715:42

Petrolio ben intonato nelle contrattazioni odierne dopo che l’Iraq ha annunciato che l’Opec e i suoi partner stanno prendendo in considerazione la possibilità di prolungare e forse persino aumentare i tagli alla produzione di greggio.

Il contratto sul Wti con scadenza novembre 2071 quota 50,44 dollari al barile al momento, mentre il future analogo sul Brent si attesta a 55,72 dollari (computo +1,02%). I prezzi del petrolio sono cresciuti di oltre il 15% sul mercato statunitense. Se i rialzi venissero confermati fino a fine settembre, sarebbe il miglior terzo trimestre dal 2004.

Daniele Chicca 20 Settembre 201717:55

Sul Forex cross euro dollaro in lieve rialzo a $1,1998. Il dollaro galleggia poco sopra il minimo da due anni e mezzo nei confronti delle principali controparti valutarie, con gli investitori in attesa di conoscere il verdetto di politica monetaria di Fed in arrivo stasera alle 20 italiane.

Daniele Chicca 20 Settembre 201717:56

Piazza Affari ha chiuso in lieve calo una seduta poco mossa. Pochi gli spunti per gli investitori, che sono in attesa di conoscere le mosse della Fed. A Milano chiudono in rialzo Buzzi Unicem (+6%), spinta dall’upgrade di Kepler e dal deal di Cementir Holding. Positive anche Fineco Bank e Exor. In ribasso Italgas, Azimut e Unipol.

Daniele Chicca 20 Settembre 201717:56

Le Borse Europee archiviano la giornata contrastate. L’indice paneuropeo EuroStoxx 50 chiude a -0,19%. Negative le piazze di Londra e Madrid. Poco sopra la parità il Cac40 a Parigi e il Dax di Francoforte. Tra i singoli titoli, in testa all’indice di riferimento E.on Total ed Eni, sospinte dal buon momento del greggio. In ribasso Ab Inbev, Deutsche Bank e Asml Holding.

Daniele Chicca 20 Settembre 201719:24

Nasdaq in difficoltà, sotto pressione per via dei cali pesanti di Apple su cui stanno pesando le recensioni negative sui nuovi iPhone, il numero insoddisfacente di pre-ordini del nuovo modello di punta della collezione di smartphone del gruppo di Cupertino e i problemi di connessione sperimentati dall’Apple Watch. Il titolo Apple scambia ai minimi da quando ha pubblicato la trimestrale, il primo agosto.

Daniele Chicca 20 Settembre 201719:25

Il paniere dei tecnologici perde circa lo 0,6% al momento in attesa della riunione “storica” della Fed di stasera.