Borse europee, settore auto colpito da profit warning di Nissan

24 Aprile 2019, di Daniele Chicca

Ribassi generalizzati ma concentrati soprattutto nel comparto automobilistico in Europa, che cede circa il 2%. Il settore paga il profit warning di Nissan, gruppo che deve ancora riprendersi dalla notizia scioccante dell’arresto del suo top manager Carlos Ghosn.

L’azienda giapponese, che ha ammesso le difficoltà legate allo scandalo Ghosn, ha rivisto al ribasso le previsioni sugli utili dell’esercizio fiscale che si concluderà a marzo 2019, da 410 miliardi di yen ($3,7 miliardi) a 319 miliardi. Successivamente al secondo taglio delle stime in pochi mesi, Nissan vede i profitti attestarsi ai minimi in quasi un decennio. I titoli Continental, Pirelli e Renault lasciano tutti sul campo intorno a due punti percentuali.

L’indice paneuropeo delle Borse EuroStoxx scambia in rosso in un’altra seduta carica di notizie societarie visto che ci troviamo in piena stagione delle trimestrali. Al contrario di Nissan, Credit Suisse ha sorpreso in positivo, con utili fiscali migliori degli attese e i titoli vengono premiati dagli investitori (+3%). Anche Heineken, Akzo Nobel e Michelin riportano i conti trimestrali in giornata.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 24 Aprile 201911:51

Azionario contrastato in Asia e in Europa dopo che l’indice S&P 500 ha toccato valori record ieri. L’indice di Londra FTSE 100 perde mezzo punto percentuale circa, mentre il CAC francese lo 0,2%. Il Dax guadagna invece lo 0,3% a metà seduta. 

In Usa a Wall Street la seduta dovrebbe essere poco mossa, almeno a giudicare dall’andamento dei future sugli indici principali di Borsa. Il 30 aprile emissari di Usa e Cina si vedranno per cercare di stringere un accordo definitivo di pace per mettere fine alla guerra dei dazi.

Daniele Chicca 24 Aprile 201918:24

Dopo aver sfiorato il 3%, i tassi dei Titoli di Stato americani perdono quota. 

Malgrado la salita dell’azionario americano su nuovi massimi record, anche i Treasuries Usa sono richiesti con la scadenza a trent’anni che è in calo di 5 punti base dal picco di ieri toccato al 2,999%.

Il tutto mentre i rendimenti dei Bund decennali sono tornati al di sotto dello zero percento. Piazza Affari ha perso lo 0,8% a 21.722 punti.