Borsa Milano, un’altra seduta in rosso. Unicredit e Mps nel mirino

2 Agosto 2016, di Daniele Chicca

MILANO (WSI) – A Milano e in Europa in generale i fari sono puntati sulle banche: le più penalizzate sono quelle che hanno avuto i risultati peggiori negli stress test. Se il problema principale rimangono le situazioni patrimoniali di Mps e Unicredit, per il settore italiano rimane tuttora da risolvere il nodo sofferenze. Per il reparto europeo più in generale l’attenzione è più che altro rivolta alle difficoltà di generare redditività in un contesto di tassi negativi prolungato.

Quest’ultimo fattore, insieme all’impatto della Brexit, non sono stati calcolati nello scenario avverso negli stress test sulla solidità di bilancio condotti dall’Eba. Il tutto mentre economisti rispettati come Sascha Steffen dell’istituto Zew tedesco stima che le banche europee avrebbero bisogno di 900 miliardi di nuovi capitali per convincere gli investitori della loro solidità finanziaria. Per avere un’idea di quanto grande sia questa somma, basti pensare che dal 2011 sono stati iniettati 280 miliardi di euro nel sistema bancario europeo.

In Asia la Borsa di Tokyo ha perso l’1,47%. Dopo che il premier Abe ha annunciato un nuovo pacchetto di stimolo da 244,5 miliardi di euro (28mila miliardi di yen) lo yen si è rafforzato. Restando sul valutario, dopo che l’Australia ha tagliato ancora i tassi di interesse portandoli all’1,5%, il cosiddetto “aussie”, il dollaro locale, ha perso terreno. Il dollaro Usa pure è debole e si avvicina ai minimi di tre mesi. Nemmeno questo riesce però a impedire l’ennesimo calo del petrolio, che sfonda nuovamente al ribasso quota 40 dollari al barile dopo che ieri aveva sfiorato i $39. Sono tornati i timori legati ai fondamentali, nel dettaglio quelli sulle scorte in eccesso e sulla domanda in calo.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 2 Agosto 20169:04

L’agenda macro di giornata prevede alle 10.30 l’indice Pmi delle costruzioni nel Regno Unito; alle 11 i prezzi alla produzione dell’Eurozona, visti in aumento dello 0,4% mensile. In Usa verranno pubblicati i redditi e le spese personali, che gli analisti scommettono aumenteranno dello 0,3% mensile.

Daniele Chicca 2 Agosto 20169:08

L’indice Stoxx600 e Piazza Affari hanno aperto gli scambi in rosso, ma la notizia più importante di giornata per il momento è che il premier Shinzo Abe ha approvato un pacchetto di stimoli fiscali ed economici da 28mila miliardi di yen (244,5 miliardi di euro circa).

Daniele Chicca 2 Agosto 20169:14

La seduta a Wall Street, caratterizzata da volumi agostiani sottili, si è chiusa con gli indici che hanno preso direzioni contrastanti. Se sul Dow Jones (-0,15%) hanno gravato i cali pesanti del settore energetico, a sua volta depresso dal calo del petrolio sotto i 40 dollari al barile, il Nasdaq ha chiuso a 5.184,20 punti, forte di un progresso del +0,43%. L’indice allargato S&P500 ha messo a referto un -0,13% a 2.170,84 punti.

Daniele Chicca 2 Agosto 20169:20

Piazza Affari accelera al ribasso nelle prime battute e ora perde quasi un punto percentuale. Intanto la Borsa di Tokyo ha chiuso in calo dell’1,47%. Debole, anche se meno pesante, la seduta a Shanghai, mentre Hong Kong è rimasta chiusa a causa dell’arrivo del tifone Nida. L’allarme per la città è di massimo livello.

Daniele Chicca 2 Agosto 201610:26

Peggiora ancora la performance della Borsa di Milano nella prima mattinata con l’indice Ftse MIB che scivola sui minimi di seduta con un calo di quasi il -2% poco sopra i 16.200 punti. E dire che fino a pochi giorni fa aveva riconquistato i 17mila piunti. I problemi del settore bancario e quelli cronici di crescita restano per l’Italia ancora questioni irrisolte. Ubi Banca, Unicredit e Saipem finiscono in asta di volatiità. I titoli MPS cedono più dell’8%.

Daniele Chicca 2 Agosto 201610:27

Sotto pressione ancora i prezzi del petrolio, con il future Wti che ha perso ormai un quinto del suo valore da aprile. Le quotazioni sono di nuovo scese sotto i 40 dollari al barile dopo un breve e timido tentativo di ripresa.

Daniele Chicca 2 Agosto 201611:00

Le vendite la fanno da padrone in tutta Europa. A pesare sono i conti trimestrali deludenti di Commerzbank e Metro, nonché la notizia secondo cui Deutsche Bank e Credit Suisse usciranno dall’indice d riferimento EuroStoxx 50.

Daniele Chicca 2 Agosto 201613:40

Nel primo pomeriggio è sempre il settore bancario a schiacciare i listini europei. Mps perde l’8% e Unicredit quasi il -5%. Molto vendute anche Deutsche Bank e Credit Suisse (-5%).

Daniele Chicca 2 Agosto 201613:41

Un altro titolo del settore bancario molto pesante quest’oggi è quello di Commerzbank dopo che la banca ha tagliato le previsioni e riportato utili deludenti nella prima parte dell’anno. Il suo CFO ha voluto rassicurare i mercati dicendo che la banca non rappresenta un rischio per i mercati.

Daniele Chicca 2 Agosto 201613:42

Petrolio rimbalza dopo un avvio ancora in calo, anche se i problemi legati all’offerta in eccesso rimangono.

Daniele Chicca 2 Agosto 201613:43

Dopo aver ceduto circa due punti percentuali e mezzo ieri, il settore bancario europeo oggi cede un altro -2,66% per il momento.

Daniele Chicca 2 Agosto 201613:44

Wall Street dovrebbe aprire in calo rispetto ai livelli di chiusura di ieri ma non di molto.

Daniele Chicca 2 Agosto 201616:54

Anche la Borsa Usa perde quota in scia con i ribassi visti nel resto delle Borse globali quest’oggi. Il Dow Jones cede al momento 100 punti e si avvia a chiudere una striscia negativa di ben sette sedute, la più lunga da agosto dell’anno scorso. Pesano i cali di Home Depot e Goldman Sachs. L’S&P 500 cede lo 0,7%, zavorrato dal settore industriale e dei beni al consumo

Daniele Chicca 2 Agosto 201617:09

Si fanno sempre più gravi le perdite del settore bancario italiano a Piazza Affari. Il listino Ftse MIB cede ormai quasi tre punti percentuali con Mps che fa segnare un ribasso teorico del 12,8%, Pop Emilia dell’11,8% e Unicredit di almeno il -8%. Banco Popolare cede più del 9% e anche Unipol è presa di mira dagli speculatori al ribasso. Gli unici due titoli comprati sono Campari e Ferrari, che vengono favoriti dai risultati trimestrali.

Daniele Chicca 2 Agosto 201617:47

Piazza Affari ha chiuso in rosso del 2,76% appena sotto i 16.100 punti. Calo a candela per Mps (-15% circa) e le banche più in generale. Le popolari hanno ceduto quasi il 10%, mentre Unicredit ha accusato una flessione del 8,5% circa in chiusura.

Daniele Chicca 2 Agosto 201617:48

Le borse europee hanno chiuso anch’esse in forte ribasso, con l’indice EuroStoxx50 in calo del 2% circa, in linea con le piazze americane e appesantito oltre che dal settore bancario anche da Volkswagen, BBVA e Telefonica. In controtendenza Vinci.

Daniele Chicca 2 Agosto 201617:48

Tra gli altri mercati, sul valutaro il tasso di cambio euro dollaro quota $1,1226, mentre il contratto sul petrolio Wti – che aveva effettuato un tentativo di risalita poi rivelatosi vano – in questo momento perde l’1,4% a 39,5 dollari al barile.