Borsa Milano schiacciata dalle banche, è allarme volatilità

22 Giugno 2016, di Daniele Chicca

MILANO (WSI) – Le Borse europee sono riuscite ad archiviare la sessione in positivo anche oggi, favorite dal ritrovato ottimismo sull’esito del referendum sulla Brexit che si svolgerà tra un giorno. Ma Borsa Milano ha ceduto invece terreno, con il Ftse Mib che è tornato sotto la soglia di 17.400 punti.

Le prossime saranno sessioni storiche per i mercati. Domani, 23 giugno, i britannici si recheranno alle urne per pronunciarsi finalmente sullo scenario Brexit. I risultati si conosceranno tuttavia soltanto nella notte tra il 23 e il 24 giugno.

La paura in generale è rientrata, con i sondaggi che danno il fronte del “Remain” in lieve vantaggio, ma la liquidità continua a scarseggiare e così continuerà ad essere anche nei prossimi mesi. Un motivo in più per tenere gli occhi aperti e fare attenzione agli schizzi di volatilità.

A Piazza Affari si fanno sentire i cali delle banche, ma Ubi Banca e Unicredit chiudono positive. In forte calo Saipem e altri titoli energetici. Sugli altri mercati la sterlina si rifà sotto, il petrolio vira in rosso dopo i dati sulle scorte Usa, mentre il Bund cala. In Asia le Borse frenano la corsa. La Borsa di Sidney ha chiuso piatta. Quanto alla Borsa di Tokyo la chiusura è stata negativa del -0,64%.

Dopo una serie di sedute positive, caratterizzate dall’allentamento dei timori legati alla Brexit e all’aumento del prezzo delle materie prime, l’indice Nikkei torna con i piedi per terra. Wall Street ha chiuso in progresso malgrado l’avvertimento della Fed sui valori di Borsa, giudicati “ben oltre” la mediana dei prezzi.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 22 Giugno 20169:16

L’agenda macro di oggi prevede nel pomeriggio la diffusione del dato sulle vendite di case esistenti negli Stati Uniti a maggio e le scorte di greggio EIA. Nella Zona Euro verrà invece comunicato l’indice di fiducia dei consumatori a giugno, previsto invariato dall’ultima osservazione.

Daniele Chicca 22 Giugno 20169:16

Sul versante obbligazionario, il future sul Bund con consegna a giugno ha aperto stamane in calo di 6 tick a 164,38, lo spread Btp/Bund 10y è a 130 pts, con il rendimento del decennale italiano all’1,368%.

Daniele Chicca 22 Giugno 20169:17

Tra le materie prime, i contratti sul petrolio Wti scambiano sopra i 50 dollari al barile. I prezzi sono in rialzo di circa lo 0,80% a quota $50,24 al barile. Aiuta la pubblicazione dei dati Api, che hanno evidenziato una flessione delle scorte maggiore delle attese.

Daniele Chicca 22 Giugno 20169:19

Sul valutario rimonta della sterlina e tasso di cambio euro dollaro a $1,1257. Al termine delle contrattazioni nelle borse asiatiche e nelle prime battute in Europa il biglietto verde cede i modesti guadagni messi a segno in precedenza nei confronti delle principali valute rivali. La divisa britannica invece guadagna terreno alla vigilia del referendum sull’ipotesi di Brexit che, stando agli ultimi sondaggi, sembra essere sempre più lontana.

Daniele Chicca 22 Giugno 20169:22

La Borsa italiana apre in progresso dello 0,4% a 17.500 punti. Il listino è per lo più misto, con i titoli bancari positivi accompagnati da FCA, che si riscatta dopo il passo falso di ieri, Saipem, Exor e Azimut. In controtendenza si muovono A2A, Luxottica, Snam e Mediaset.

Daniele Chicca 22 Giugno 201610:16

Un grafico di Berenberg offre uno spaccato dell’eisto degli ultimi sondaggi a 24 ore dal voto sullo scenario di Brexit. Le ultime rilevazioni danno il fronte del Remain in leggero vantaggio.

Daniele Chicca 22 Giugno 201610:19

La notizia secondo cui Tesla, il colosso delle auto eletteriche di Elon Musk, vuole comprare SolarCity ha spinto in rialzo i titoli del settore dell’energia pulita in Europa e in particolare quelli dei gruppi tedeschi, come si vede bene negli schermi di Cnbc.

Daniele Chicca 22 Giugno 201611:02

A Piazza Affari la seduta sta prendendo una brutta piega (-0,77% sotto 17.300 sui minimi di seduta), con le banche popolari che guidano i ribassi. A pesare sono le notizie della possibile mancata quotazione in Borsa di Veneto Banca dopo che le adesioni per l’aumento di capitale si sono fermate all’1% nel retail. In forte calo scambiano MPS, Pop Emilia e Pop Milano, oltre a Saipem e Yoox.

Daniele Chicca 22 Giugno 201611:04

A Piazza Affari la seduta sta prendendo una brutta piega (-0,77% sotto 17.300 sui minimi di seduta), con le banche popolari che guidano i ribassi. A pesare sono le notizie della possibile mancata quotazione in Borsa di Veneto Banca dopo che le adesioni per l’aumento di capitale si sono fermate all’1% nel retail. In forte calo scambiano MPS, Pop Emilia e Pop Milano, oltre a Saipem e Yoox.

Con i numeri riportati dalle agenzie, l’aumento di capitale del gruppo veneto non andrà in porto e si apre la strada quasi certamente a un intervento del fondo Atlante per la quasi totalità del capitale, in un’operazione in linea a quella di Pop Vicenza.

Daniele Chicca 22 Giugno 201612:02

Quando ormai siamo al giro di boa per la seduta odierna, a un solo giorno dal voto sulla Brexit, i mercati azionari europei sono in media in rialzo. Fa eccezione la Borsa di MIlano (-0,31%), su cui pesano i cali delle banche, e la piazza di Zurigo.

Daniele Chicca 22 Giugno 201614:12

Sul valutario dopo una breve sbandata, la sterlina si sta attestando in area 1,4680 dollari.

Daniele Chicca 22 Giugno 201614:14

L’andamento dei futures sui principali indici della Borsa Usa suggerisce che gli investitori preferiscono non sbilanciarsi prima del voto di domani sulla Brexit.

Laura Naka Antonelli 22 Giugno 201615:56

Gli acquisti sulla Borsa di Londra portano l’indice Ftse 100 a salire fino +0,9% a 6.284, al massimo delle ultime due settimane.

The FTSE 100 over the last six weeks
Laura Naka Antonelli 22 Giugno 201615:59

A Piazza Affari, l’indice Ftse Mib sale +0,35%, a 17.492,86 punti. Tra i titoli bene le banche come Mps +1,22%, Bper +1,16%, BPM +1,22%, BP +1,66%, Intesa SanPaolo +0,65%, Unicredit +1,67%, Ubi Banca +2,27%. Tra i titoli di altri settori Campari -0,53%, Eni -0,21%, Exor +1,80%, Recordati -1,28%, Saipem -0,82%, Stm +2,69%. 

Laura Naka Antonelli 22 Giugno 201617:24

Sterlina in rialzo sul dollaro, quando mancano poche ore a domani, giovedì 23 giugno, giorno del referendum sul Brexit.

Laura Naka Antonelli 22 Giugno 201617:25

L’indice Stoxx Europe 600 si avvia a chiudere la sessione in rialzo di quasi +0,9%.

Laura Naka Antonelli 22 Giugno 201617:26

Prezzi del petrolio negativi dopo la pubblicazione dei dati sulle scorte Usa diffusi dall’EIA, che hanno messo in evidenza un calo delle scorte inferiore alle attese.

Laura Naka Antonelli 22 Giugno 201617:51

I principali indici azionari del Vecchio Continente hanno chiuso la sessione in rialzo.

Laura Naka Antonelli 22 Giugno 201618:11

Accelerazione ribassista per l’indice Ftse Mib di Piazza Affari nel finale. L’indice ha chiuso in calo -0,62%, a 17.323,27 punti, complice il peggioramento delle banche. Mps -1,51%, Bper -0,42%, BPM -0,27%, BP -1,59%, Intesa SanPaolo -0,09%, Ubi Banca +1,79%, Unicredit +0,87%. Tra i titoli di altri settori FCA -1,20%, Enel -1,51%, Eni -1,53%, forte peggioramento di Saipem, -2,40%, a causa del dietrofront dei prezzi del petrolio, Snam -1,65%, Tenaris -1,02%, Unipol -1,48%, Mediaset -1,90%.