BORSA MILANO: NUOVI MASSIMI DOPO LA BCE

3 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari reagisce al rialzo dei tassi della Bce raggiungendo, pochi minuti dopo la notizia arrivata da Francoforte, i nuovi livelli massimi.

Ritoccati i record storici di Mibtel e Mib30 che salgono rispettivamente dell’1,23% a 29.828 punti e dell’1,29% a 44.252.

Sempre positive le Fiat priv. (+5,24%) e le risp. (+2,25%) e tornano al rialzo anche le ordinarie (+0,27%). Nel resto della scuderia Agnelli le Ifil scendono dell’1,23% e crescono risparmio (+1,37%) e Ifi priv (+1,08%).

Continuano le prese di beneficio su Olivetti (-2,28%) mentre rimane in denaro Telecom (+0,97%) che segna nuovi massimi a 18,15 euro (un euro vale 1936,26 lire).

Rimbalza tutto il Gruppo De Benedetti, sull’ipotesi di uno spin-off dell’attività Internet da L’Espresso (+4,12%). Cir, sospesa al rialzo, cresce del 2,97% e Cofide del 7,29%.

Seat sale del 5,17% spinta dalle voci di un’opa (offerta pubblica di acquisto) da parte di un Gruppo internazionale che potrebbe essere General Electric.

Si risvegliano le municipalizzate con Aem (+5,37%), Acsm (+5,24%) e Acea (+2,37%).