Borsa Milano ingrana: occhi su banche, Cairo e Campari

11 Agosto 2016, di Daniele Chicca

MILANO (WSI) – Seduta senza grandi spunti per le Borse europee, che però reggono nonostante il calo del petrolio, le incertezze post Brexit e la crisi delle banche italiane. Focus sulle trimestrali e sui dati macro, aspettando le prossime mosse delle banche centrali, che ormai sembrano aver perso la Trebisonda.

A Piazza Affari, positiva ma senza strappi, l’attenzione è sempre rivolta al settore bancario e in particolare a Mps, mentre le notizie societarie di giornata interessano Campari e Cairo Communication. Secondo le indiscrezioni stampa il suo patron Urbano Cairo potrebbe presto superare la soglia del 50% nel capitale del gruppo. Berenberg ha rivisto al rialzo il rating sui titoli della società di bevande a buy da hold, con prezzo obiettivo che passa a 11,6 da 7,2 euro.

Tra gli altri mercati, prezzi del petrolio sotto pressione da ieri quando sono stati pubblicati i numeri dall’Eia da cui è emerso un aumento superiore alle attese delle scorte di greggio e la produzione record raggiunta dall’Arabia saudita. Sul valutario l’euro ritraccia dopo il rialzo di ieri sul dollaro.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

 

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 11 Agosto 201610:48

Apertura in rialzo per le borse europee con Piazza Affari che guadagna circa lo 0,2% nelle prime battute in attesa del dato sui prezzi al consumo che verrà diffuso in giornata. A trainare il listino sono Campari, Telecom e Ferragamo mentre sono in controtendenza Mediobanca, Cnh Industrial e Ferrari.

Daniele Chicca 11 Agosto 201610:49

Ieri Wall Street ha chiuso in moderato calo, con il Dow Jones che ha fatto segnare un -0,2%, l’S&P500 un -0,29% e il Nasdaq100 un -0,26%. A pesare, oltre al forte calo del prezzo del petrolio, anche alcuni dati societari.

Perrigo (-9,6%) ha annunciato per lo scorso trimestre un utile inferiore alle attese e ha tagliato le sue stime per l’esercizio. Yelp (+12,8%) ha chiuso il trimestre a sorpresa in utile. SunPower (-30,2%) ha tagliato i suoi obiettivi per il corrente esercizio. Ralph Lauren (+8,5%) ha annunciato per lo scorso trimestre un utile adjusted di USD1,06 per azione, sopra al consensus pari a USD0,89. Attese in giornata le trimestrali di Alibaba, Macy’s, Kohl’s, Nordstrom, Planet Fitness, Ruby Tuesday.

Daniele Chicca 11 Agosto 201610:49

In Asia, con la Borsa di Tokyo rimasta chiusa per festività nazionale, le altre piazze finanziarie principali sono miste. Al momento Hong Kong +0,15% e Shangai Composite -0,36%.

Daniele Chicca 11 Agosto 201610:50

Sul valutario il dollaro neozelandese si porta sui massimi di oltre un anno, mentre il tasso di cambio euro dollaro è in flessione a $1,1156. Il dollaro neozelandese è sospinto dall’intervento della banca centrale, che ha deluso chi si attendeva una manovra di stimolo monetario ancora più ampia di quella annunciata.

Daniele Chicca 11 Agosto 201610:51

Tra le materie prime, prosegue il calo dei prezzi del petrolio iniziato ieri pomeriggio. Il contratto Wti cede terreno attestandosi a 41,6 dollari al barile, sulla scia dei dati diffusi ieri dall’Eia che mostrano un aumento superiore alle attese delle scorte di greggio e dopo la produzione record comunicata dall’Arabia saudita.

Daniele Chicca 11 Agosto 201610:54

Sul mercato obbligazionario, il rendimento decennale dei titoli italiani ha raggiunto nuovi minimi record. Il Bund future settembre ha aperto in rialzo di 3 tick a 167,87, mentre lo Spread tra Btp e Bund a 10 anni si posiziona in area 119 punti base. Il tasso del Btp decennale italiano vale l’1,07%. Due giorni fa era sceso ai minimi dell’1,10%, tre punti base più in basso del minimo record segnato a marzo 2015 (1,13%).

Daniele Chicca 11 Agosto 201611:08

Le banche britanniche continuano a pagare il prezzo dell’incertezza provocata dalla Brexit a fine giugno. I titoli sono in calo dell’1-2%.

Daniele Chicca 11 Agosto 201611:10

Inversione di rotta per le Borse europee, con l’indice paneuropeo StoxxEurope 600 che cede lo 0,21% al momento. Aveva aperto gli scambi con un progresso analogo, dello 0,2% circa.

Daniele Chicca 11 Agosto 201611:14

Le Borse fanno fatica a metà mattinata, con gli investitori che sono impegnati a digerire tutta una serie di risultati trimestrali e il nuovo calo dei prezzi del petolio. Sull’obbligazionario intanto prosegue la caccia ai rendimenti, con la curva dei tassi che nel Regno Unito continua a comprimersi: i rendimenti delle scadenze a breve sono in territorio negativo da ieri, mentre il 30 anni e il 10 anni hanno da parte loro raggiunto nuovi minimi.

Daniele Chicca 11 Agosto 201611:47

Si preannuncia un avvio di seduta positiva per l’azionario statunitense, con i future sui principali indici di Borsa che scambiano in rialzo. Gli investitori dovrebbero comunque mantenere un approccio improntato alla cautela, vista la situazione tuttora difficile del petrolio e le incertezze sulle prossime mosse della Fed. Ben Bernanke, ex numero uno della banca centrale Usa, è convinto che Janet Yellen non imporrà una stretta monetaria quest’anno.

Daniele Chicca 11 Agosto 201611:48

In Europa intanto la seduta va di nuovo migliorando, con le principali piazze finanziarie che scambiano in positivo quando si avvicina il giro di boa. L’unica grande Borsa in rosso è Londra, che paga il rallentamento del settore bancario, tra i più penalizzati dai trader dopo la vittoria dei Leave al referendum sulla Brexit.

Daniele Chicca 11 Agosto 201615:52

Il settore delle utility pesa sulla performance dei listini azionari americani, poco variati in avvio. Tra i titoli più richiesti figura Apple.
<img src="https://images.scribblelive.com/2016/8/11/56bcb5d3-9350-469b-9b56-76d9629bde27.jpg&quot;

Daniele Chicca 11 Agosto 201615:52

Il settore delle utility pesa sulla performance dei listini azionari americani, poco variati in avvio. Tra i titoli più richiesti figurano Home Depot, Nike, Caterpillar e Apple.

Daniele Chicca 11 Agosto 201615:53

Il settore delle utility pesa sulla performance dei listini azionari americani, poco variati in avvio. Tra i titoli più richiesti figurano Home Depot, Nike, Caterpillar e Apple. Giù JP Morgan e Disney.

Daniele Chicca 11 Agosto 201615:54

L’azionario americano ha la possibilità di registrare sette settimane di fila di rialzi.

Daniele Chicca 11 Agosto 201618:00

Sugli altri mercati il cambio euro dollaro quota $1,1172, mentre il contratto sul petrolio Wti rimbalza e guadagna il 3,8% a 43,3 dollari al barile.

Daniele Chicca 11 Agosto 201618:00

Il responsabile dei rating sovrani dell’agenzia S&P, Moritz Kraemer ha affermato che il rating sovrano dell’Italia non sarebbe a rischio di downgrade nel caso il governo dovesse seguire la strada di un intervento pubblico per risolvere le difficoltà del settore bancario.

Daniele Chicca 11 Agosto 201618:01

Le borse europee hanno chiuso in rialzo, dopo una giornata in cui gli indici dopo uno sbandamento sono rimasti per lo più sopra la pari, con l’indice EuroStoxx50 che termina la seduta con un computo positivo del +0,9% circa, trainato dai titoli del settore del lusso e edilizio mentre sono in controtendenza Allianz e BMW e Vivendi.

Daniele Chicca 11 Agosto 201618:01

Piazza Affari ha chiuso in positivo una giornata caratterizzata da bassi volumi di scambi, in linea con le altre borse europee: l’indice Ftse MIB ha fatto segnare un progresso dell’1,06%, trainato dai titoli Telecom, Campari e Saipem. Sono invece in controtendenza Pop Milano, Mediobanca e Cnh Industrial.

Daniele Chicca 11 Agosto 201618:11

Le quotazioni del petrolio sul mercato Wti fanno un balzo del 3% sopra i 43 dollari al barile dopo che il ministro dell’Energia saudita ha detto che i produttori principali della materia prima potrebbero discutere della possibilità di intraprendere un’azione coordinata per stabilizzare finalmente i prezzi, che da due anni sono in caduta libera.

Al contempo l’Agenzia Internazionale di Energia ha stimato che i mercati dovrebbero tornare in equilibrio nei prossimi mesi. I membri dell’Opec e anche i paesi che non fanno parte del cartello dei maggiori esportatori di petrolio dovrebbero incontrarsi a settembre in Algeria per discutere della situazione. Gli investitori rialzisti sperano in un’intesa coordinata per il congelamento dei livelli di produzione di barili.