Borsa: peggiore settimana dalla Brexit, banche a fondo

19 Agosto 2016, di Daniele Chicca

MILANO (WSI) – Seduta negativa per i listini azionari europei che non solo non sono riusciti ad allungare dopo i guadagni moderati registrati la vigilia, ma hanno chiuso la settimana soffrendo il calo più marcato dai giorni post Brexit. A Piazza Affari focus su Unicredit, molto pesante con cali fino a -7%, e sui titoli Mps dopo che i due ex AD Alessandro Profumo e e Fabrizio Viola sono finiti nel registro degli indagati con l’accusa di corruzione.

Intanto tra le materie prime, dopo un calo sorprendente delle scorte settimanali di greggio Usa il petrolio è tornato in una fase di mercato rialzista con il contratto sul Brent salito fino a $51 al barile, intorno ai massimi di otto settimane.

Il petrolio ha poi mostrato una certa debolezza, ma sia il future sul petrolio relativo ai barili del mare del Nord sia quello sul Wti americano sono in progresso di oltre il 20% dai minimi di agosto. E nella settimana hanno guadagnato rispettivamente +7,5% e oltre +8%.

Aiutano anche le voci insistenti da giorni sulla possibilità che l’Opec trovi un’intesa sul congelamento della produzione. Gli analisti temono sia tuttavia un deja-vu dei guadagni visti a inizio anno e poi evaporati.

In Asia la Borsa di Tokyo ha chiuso in marginale rialzo (Nikkei +0,36%) una seduta volatile, caratterizzata ancora dalla cautela degli operatori per la forza dello yen, che ha pesato in questi giorni sugli esportatori. Meglio dell’indice generale hanno fatto i titoli ciclici, con guadagni per il settore dei produttori di auto ed elettronica. A Hong Kong e Shanghai le variazioni sono state modeste.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 19 Agosto 20169:10

L’avvio di seduta è indeciso per le principali piazze finanziarie Ue, fatta esclusione per Milano dove la variazione è negativa del -0,2%. In Asia Hong Kong cede lo 0,2% mentre Shanghai guadagna lo 0,21%.

Daniele Chicca 19 Agosto 201610:05

Sul valutario, il dollaro è sotto pressione dopo la pubblicazione degli ultimi verbali della Fed, i quali non si sposano con un rialzo dei tassi a breve, scenario che invece ipotizzano diversi membri del direttorio di politica monetaria della banca centrale Usa.

Il biglietto verde scambia non lontano dai minimi di otto settimane nei confronti dell’euro dopo. Dalle minute della Federal Reserve si capisce che l’istituto guidato da Janet Yellen non ha fretta di procedere con un rialzo dei tassi. Al momento il cambio euro/dollaro vale 1,1342 dopo aver chiuso ieri a 1,1352. Il dollaro/yen viaggia a 100,076 da 99,87.

Daniele Chicca 19 Agosto 201611:06

Dopo la corsa di ieri il titolo Mediaset ritraccia, con una flessione di circa l’1,50%. Ieri gli organi di stampa hanno scritto che Vivendi starebbe preparando una nuova offerta da presentare alla famiglia Berlusconi tra fine agosto ed inizio settembre per Premium, la pay-tv di Mediaset, dopo l’inatteso dietrofront dello scorso 25 luglio.

Daniele Chicca 19 Agosto 201611:18

In Usa, l’andamento dei future sui principali indici di Borsa dice che sarà un’apertura di seduta interlocutoria.

Daniele Chicca 19 Agosto 201611:20

In Usa, l’andamento dei future sui principali indici di Borsa dice che sarà un’apertura di seduta in lieve ribasso. Le ultime dichiarazioni dei membri del board della Fed su un’economia in salute hanno dato nuovo carburante al dollaro sul valutario, mettendo al contempo sotto pressione l’azionario europeo.

Daniele Chicca 19 Agosto 201612:29

Peggiora la prova dei listini azionari europei che in settimana ora rischiano di subire la batosta più pesante dai giorni post Brexit. L’indice Stoxx Europe 600 è in calo dell’1,5% da lunedì a oggi.

Daniele Chicca 19 Agosto 201612:30

Tassi negativi, Brexit e crediti inesigibili in portafoglio pesano come macigni sul settore bancario europeo, che al momento cede il 2% in Borsa. Da inizio anno è in flessione del 31% circa.

Daniele Chicca 19 Agosto 201612:31

Manco a dirlo il settore bancario italiano è tra i più colpiti stamattina, con Unicredit che cede anche il 4,5%. Il comparto è quello che maggiormente è afflitto dai crediti deteriorati, pari a 360 miliardi (sofferenze lorde) su un ammontare stimato a mille miliardi di euro per gli istituti del continente europeo.

Laura Naka Antonelli 19 Agosto 201614:51

Ftse Mib sui minimi di seduta, cede -2,49% a 16.258,72 punti travolt ancora dalle vendite sulle banche. Sospesa per eccesso di ribasso Bper con calo teorico di quasi -5%. Mps -3,40%, BP -4,5%, Intesa -4,42%, Unicredit soffre un tonfo -7%, Ubi Banca -4,6%.

Laura Naka Antonelli 19 Agosto 201616:17

Alert banche a Piazza Affari, dove sull’indice Ftse Mib non mancano le sospensioni per eccesso di ribasso. L’indice cede -2,71%, a 16.221 punti. Vendite generali sull’azionario, con Wall Street che assiste al tonfo di -100 punti circa dell’indice Dow Jones.

Laura Naka Antonelli 19 Agosto 201616:20

Guardando a Piazza Affari tra i bancari, MPS perde oltre -3%, Bper scivola -5,38%, BPM -4,69%, BP sospesa per eccesso di ribasso con un calo teorico -5% circa, Intesa SanPaolo -4,47%, Ubi Banca -4,71%, peggiore è Unicredit che registra un tonfo superiore a -7%. Mediobanca -3,34%.

Laura Naka Antonelli 19 Agosto 201616:24

Nel pomeriggio sono state sospese per eccesso di ribasso, con cali terorici, anche Azimut, UBI Banca e BPM. Stando a quanto riporta l’agenzia Radiocoro, il sell off odierno è condizionato anche dalla scadenza “dei futures sulle opzioni e sulle azioni e dalla rottura (già nella prima ora di negoziazioni) del supporto di 16.500 punti del Ftse Mib che ha alimentato ulteriori vendite oltre alle prese di beneficio su un settore (quello bancario) che, a Milano, ha guadagnato il 6% dai minimi di inizio agosto”. Tra i titoli di altri settori, molto male per l’appunto il titolo della società di risparmio gestito Azimut Holding -5,18%; giù anche FCA con -3,41%, Telecom Italia -2,22%, Prysmian -2,15%, in forte calo gli assicurativi con Unipol -4,86%, UnipolSai -4%

Laura Naka Antonelli 19 Agosto 201616:27

Tra i titoli di altri settori, molto male per l’appunto Azimut Holding -5,18% che rientra nelle contrattazioni: giù anche FCA con -3,41%, Telecom Italia -2,22%, Prysmian -2,15%, in forte calo gli assicurativi con Unipol -4,86%, UnipolSai -4%.

Laura Naka Antonelli 19 Agosto 201616:48

Gli indici principali di Wall Street riducono le perdite, dopo che il Dow Jones aveva ceduto -100 punti circa.

Laura Naka Antonelli 19 Agosto 201617:40

Chiusura negativa per i principali indici azionari Usa.