BORSA E NUOVI TARGET, IL NASDAQ GIA’ A 2500

20 Aprile 2010, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) – La scorsa settimana è proseguito il rialzo dell’azionario, trascinato dal balzo del Nasdaq Composite che ha superato marginalmente la resistenza chiave a 2500, per poi ripiegare. L’indice tecnologico dai minimi di marzo 2009 è raddoppiato: la forza del trend rialzista ha trovato conferma nell’apertura in gap-up di mercoledì scorso, per poi però venire subito messa in dubbio dal veloce ripiegamento della seduta di venerdì. D’altra parte, quota 2500 è un livello davvero importante, quello che da molti mesi indichiamo come l’obiettivo finale del bear market rally in essere dal marzo 2009. Che si vada ancora più su rimane ovviamente possibile – un trend si deve infatti considerare in essere fintantoché non emerga un segnale convincente di esaurimento – ma ci troviamo comunque su livelli tecnici che devono suggerire grande prudenza.

Ogniqualvolta il quadro tecnico appare contrastato, di difficile lettura, l’unica cosa da farsi è ragionare in termini di gestione del rischio. La forte asimmetria della volatilità – molto più elevata nelle discese che non nelle salite – rende poco attraente, in termini di prospettive di rischio-rendimento, entrare lunghi sui livelli correnti. Anzi, sarebbe opportuno preoccuparsi soprattutto di portare a casa i forti utili messi a segno nei mesi passati. Per chi vuole proprio rimanere investito sarà comunque necessario mettersi degli stop di protezione nel caso le quotazioni dovessero invertire tendenza.

Discese sotto 2395-2430 confermerebbero i segnali di perdita di spinta della seduta di venerdì scorso. Il tono del mercato, tuttavia, si indebolirebbe chiaramente solo al di sotto del forte supporto in area 2325/45 (ancora prematuro). L’area 2500-2550 deve comunque considerarsi come un’occasione per ridurre, in ottica tattica, l’esposizione sul mercato, per poi incrementare nuovamente le posizioni sfruttando periodi di debolezza nei mesi a venire.

Nuovi massimi anche per il Dow Jones Industrial che riesce a superare marginalmente la resistenza chiave a quota 11000 (nuovo massimo a ridosso di 11150). Valgono le stesse considerazioni fatte per il Nasdaq: da un lato, il trend rialzista rimane solido, nonostante la scivolata di venerdì; dall’altro, siamo su livelli in cui le quotazioni appaiono “tirate”. L’area compresa tra 11000 e 12000 rappresenta una sorta di “tetto” per il grande movimento di bear market rally iniziato nel marzo 2009, e dovrebbe quindi arrestarne il rialzo per molti mesi a venire. Per le prossime sedute è importante la tenuta del supporto in area 10700/900, pena una correzione verso 10400/500.

Nuovi top anche per l’indice S&P500 che supera marginalmente l’obiettivo indicato, la resistenza chiave a 1200, per poi riscendere velocemente sotto 1200. Un segnale chiaro di perdita di spinta si avrebbe solo sotto 1160/75 per un test del supporto in area 1105/15. Gli acquisti riprenderebbero sopra 1215, con obiettivo la resistenza in area 1255/65, sopra cui (prematuro) si avrebbe un’estensione verso la resistenza chiave a 1315, che dovrebbe comunque arrestare il rialzo dell’indice per molti mesi a venire: in altri termini, tra 1200/15 e 1315 si dovrebbe esaurire il bear market rally.

I primi segnali di tensione sono arrivati dall’impennata della volatilità implicita. Dopo settimane di continui nuovi minimi, che l’avevano riportata sui livelli del luglio 2007 – quando la crisi dei mutui subprime non si era ancora allargata a macchia d’olio – nella seduta di venerdì scorso il Vix ha infatti registrato un forte incremento, pur rimanendo ancora al di sotto dei livelli di guardia (prima resistenza a quota 20, poi 22,75 e quindi, critica, 25).

Qualora il Vix dovesse superare i livelli indicati sarebbe opportuno ridurre sensibilmente – e velocemente – l’esposizione sull’azionario. In caso contrario, si può anche lasciare correre, nella consapevolezza però che il mercato rimane sulla “coda” del bear market rally e che la “Fase 1” della ripresa – spinta dalla liquidità e focalizzata sul sistema finanziario, sugli attivi patrimoniali e sugli asset tossici – dovrà progressivamente lasciare il passo alla “Fase 2” – centrata invece sull’economia reale e sugli utili aziendali, con un occhio molto attento alle dinamiche occupazionali e ai consumi. In altri termini, rasserenati dalla tenuta del sistema finanziario iniziamo ora a guardare sempre meno alla “carta” e sempre più alla realtà, in uno scenario economico che si preannuncia ancora molto confuso. Occorre quindi prudenza, e molta pazienza.

Copyright © Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved.

*Questo documento e’ stato preparato da Maurizio Milano, resp. Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.