BORSA: CHIP TRAVOLTI DAL CICLONE MERRILL LYNCH

1 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Stroncato dai giudizi negativi di Merrill Lynch, il settore dei semiconduttori e’ oggi una delle cause del forte calo al Nasdaq di tutti i titoli tecnologici. Il Philadelphia Semiconductor Index (SOX – PHLX), l’indice piu’ rappresentativo del comparto, segna un ribasso superiore al 3%, e si e’ avvicinato al minimo degli ultimi 12 mesi.

Il report della nota banca d’affari arriva il giorno dopo che Intel Corp. (INTC – Nasdaq), il primo produttore di microprocessori al mondo, ha sforato al ribasso il minimo delle 52 settimane. E il calo continua anche oggi.

A peggiorare la situazione e’ poi arrivato nel primo pomeriggio l’annuncio di Applied Micro Circuits Corp. (AMCC – Nasdaq) che ha rivisto in negativo le stime di crescita sugli utili relativi al quarto trimestre. Travolto dalla pioggia di vendite, anche Applied Micro ha oggi segnato un nuovo minimo intraday sui 12 mesi.

Nella seduta odierna sono in cessione tutti i maggiori titoli del settore: 3Com Corp. (COMS – Nasdaq) -22%, Advanced Micro Devices Inc. (AMD – Nyse) -7%, Applied Materials Inc. (AMAT) -5%, Novellus Systems Inc. (NVLS – Nasdaq) -8%, e infine PMC-Sierra Inc. (PMCS – Nasdaq) che, con una discesa di quasi il 2%, ha raggiunto anch’esso il minimo delle ultime 52 settimane.

L’annuncio di Merrill Lynch ha causato scompensi anche nel settore hardware e computer dove gia’ si sente il peso negativo di Gateway Inc. (GTW Nyse), che nella tarda serata di ieri aveva spiazzato i mercati con un ‘profit warning’. Oggi il Goldman Hardware Index e’ in ribasso di circa il 3%.

L’alto volume di scambi che caratterizza il settore dei chip ha inoltre influito sulla volatilita’ del Nasdaq; l’indice della volatilita’ e’ oggi a quota 77, un valore estremamente alto considerando che normalmente si trova tra 40 e 61.

Il livello di espansione della capacita’ – si legge nel rapporto di Merrill Lynch – e’ stato drammatico nel 2000 e ora per ritornare a un equilibrio tra domanda e offerta le societa’ del comparto dei semiconduttori dovranno ridurre drasticamente le spese in conto capitale.

Un sondaggio tra le societa’ mostra gia’ quest’anno un calo medio del 16% della spesa per semiconduttori rispetto alla crescita del 6% di sole 8 settimane fa. Merrill Lynch prevede quindi un calo del 16%-20% per l’anno.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


Merrill Lynch stronca il settore dei chip