BORSA: APERTURA DEBOLE, POI PEGGIORA

21 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

Apertura negativa, oggi, per Piazza Affari. L’indice Mibtel inizia la seduta segnando subito un ribasso dello 0,81%.

L’andamento del listino è poi peggiorato nel giro di pochi minuti e ora, dopo appena mezz’ora dall’inizio, la situazione vede il Mibtel a -1,14%; il Mib30 -1,05%; il Midex -1,27%.

Il mercato assiste a una massiccia presa di beneficio sui titoli che si sono più apprezzati. Scendono dunque Telecom, Enel, Eni, Generali, ma colpisce la raffica di sospensioni per eccesso di ribasso che sta interessando il nuovo mercato.

Per molti titoli infatti è stata rinviata l’apertura: si tratta di Opengate, San Faustino, Tecnodiffusione e Prima Industrie, che al termine della fase di preapertura segnavano prezzi in calo di oltre il 10%. Sono invece riuscite ad aprire Tiscali (-9,99% a 778,10 euro; un euro vale 1936,27 lire), Gandalf (-8,26% a 142) e Cdb Web Tech (-7,68% a 70).

Tra i titoli in controtendenza spiccano invece San Paolo Imi con +2,72% e Banca Intesa che cresce del 3,56%.