Bond societari italiani. 2012 inizia con un +25% record

15 Febbraio 2012, di Redazione Wall Street Italia

Milano – Snobbate dal mercato lo scorso anno, le obbligazioni societarie italiane hanno iniziato il 2012 in gran spolvero, aggiudicandosi le migliori performance dell’indice di riferimento europeo, il Markit iBoxx euro non-financial index.

A guidare i rialzi sono stati i bond di Finmeccanica, Telecom Italia e Lottomatica che, da gennaio, hanno registrato aumenti intorno al 25%, i maggiori aumenti dell’indice. Tutta un’altra storia rispetto al 2011 quando le obbligazioni societarie italiane, che rappresentano il terzo gruppo più grande nell’indice, avevano portato a casa un crollo del 31%, la peggiore perfomance tra i paesi della zona euro.

“I rendimenti avevano raggiunto livelli talmente preoccupanti da far ritenere, erroneamente, alcune aziende sull’orlo del fallimento”, ha riferito all’agenzia Bloomberg, Angelo Drusiani, gestore di Banca Albertini Syz. “Quello che sta succedendo ora è che alcuni gestori di fondi, usciti dal mercato lo scorso anno, sono tornati ad accumulare”.

Al di là dell’ultima stangata arrivata ieri da Moody’s – gli analisti rilevano – che il rinnovato di interesse degli investitori nei confronti dei bond societari italiani va letto come un segnale di fiducia nei confronti del mercato italiano grazie alle riforme portate avanti dall’esecutivo Monti.