Bollettino: bene le Borse, in Italia il debito raggiunge un nuovo record, OK USA e Giappone

22 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (ADVISE ONLY) –

Settimana positiva per le azioni: bene le borse mondiali; mentre per le obbligazioni continua l’appiattimento dei rendimenti sui principali mercati internazionali, governativi e corporate.
In crescita anche le commodities. In particolare il petrolio si contraddistingue in termini di performance nel settore delle materie prime. Sui mercati valutari continua il deprezzamento del dollaro rispetto all’euro che si è mosso verso quota 1,31.
Gli avvenimenti più significativi della settimana:
  1. Le dichiarazioni di Bernanke sul quantitative easing hanno rassicurato i mercati e la politica monetaria della Fed continuerà ad essere espansiva;
  2. L’Irlanda ha completato con successo l’undicesima review sul programma di bailout e riceverà la prossima tranche da di € 2,3 miliardi dall’EFSF, € 0,8 miliardi dall’FMI e € 0,3 miliardi da altri creditori;
  3. Nel complesso le trimestrali USA continuano a sorprendere gli analisti, in modo particolare il settore finanziario. Hanno invece deluso due colossi dell’IT come Google e Microsoft;
  4. L’agenzia Moody’s, ha alzato l’outlook sulle prospettive economiche USA nei prossimo 12/18 mesi da “negative” a “stabili”;
  5. La BCE ha ammorbidito e ampliato i criteri dei collaterali utilizzati dalle banche durante le abituali operazioni di rifinanziamento, favorendo il comparto delle cartolarizzazioni così da ampliare il credito alle piccole medie imprese.

Economia

  • Europa: In Italia, il debito pubblico ha raggiunto il nuovo massimo storico a € 2.074 miliardi con degli ordinativi in crescita tendenziale (m/m), mentre negli UK i dati sulle vendite al dettaglio e sull’occupazione confermano che la ripresa è sostenuta dalla domanda interna.
  • USA: continua il percorso irregolare di crescita della più grande economia del mondo. Infatti, migliorano le condizioni sul mercato del lavoro tuttavia la crescita rallenta nel secondo trimestre dell’anno. A trainare la produzione, le vendite sul mercato dell’auto. Inflazione in aumento ma contenuta.
  • Giappone: positivi i dati sull’attività industriale; in leggero aumento l’indice degli indicatori avanzati.
  • BRIC: l’economia cinese rallenta nel secondo trimestre aumentando il rischio per il governo di non riuscire a raggiungere il target di crescita prefissato. La debole spesa per investimenti e la lenta ripresa della domanda estera continuano a pesare sull’economia della Russia. Infine, in Brasile positivi i dati dei prezzi alla produzione con il relativo indice in aumento.

Mercati

  • Borse del mondo: Italia +4,5%, Spagna +1,3%, Germania +1,4%, Francia +1,8%, UK +1,3%, USA +0,4%, Cina -2,3% e Giappone +0,8%.
  • Obbligazioni: seconda settimana consecutiva di tassi in discesa per le obbligazioni governative e corporate (in particolare Paesi Emergenti e periferici della zona euro);
  • Commodities e valute: il dollaro è tornato verso quota 1,31 euro. Continua la performance positiva di oro e petrolio.

Da tenere d’occhio questa settimana

I dati macroeconomici che verranno pubblicati nel corso della settimana (scarica il Bollettino per sapere il giorno e l’ora).

CLICCA PER APRIRE IL BOLLETTINO ADVISE ONLY