BNL, BANKITALIA BOCCIA
L’OPA UNIPOL

10 Gennaio 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – L’opa Unipol su Bnl non si farà. Bankitalia ha comunicato alla compagnia “i motivi ostativi all’accoglimento dell’istanza di autorizzazione all’acquisto del controllo della Bnl”. L’annuncio ufficiale al mercato dovrebbe avvenire invece domani. A determinare la bocciatura sarebbe stato l’esame della documentazione sui requisiti patrimoniali dell’Unipol. Ma intanto a fianco del movimento cooperativo si schiera il presidente della Camera Pierferdinando Casini che, prende le distanze da Berlusconi e invita a non confondere le Coop con “episodi di malcostume”.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Una prima valutazione era già pronta, ma la firma di Desario dovrebbe arrivare fra oggi e domani. Il no di Bankitalia arriva prima dell’insediamento del nuovo governatore Mario Draghi, nonostante – secondo quanto riferito da fonti Unipol – il tempo a disposizione di via Nazionale per pronunciarsi scadrebbe il 20-25 gennaio prossimo.

Unipol ha inviato nei giorni scorsi nuova documentazione alla Banca d’Italia, per chiarire la propria situazione patrimoniale. Documentazione che via Nazionale ha già finito di esaminare non trovandola convincente.

Casini, intanto, da Aosta ribatte a Berlusconi che aveva detto: “Quello delle cooperative è un sistema non sano”. “Guai – risponde il presidente della Camera – a confondere forme patologiche di degenerazione o episodi di malcostume con il fenomeno della cooperazione, con il mondo di milioni di cooperatori di diverse estrazioni ideali che meritano considerazione e rispetto”. “E’ un’ idea sbagliata sul piano economico, e dunque anche sul piano politico – ha aggiunto Casini – la criminalizzazione del mondo cooperativo a seguito degli inquietanti episodi di questi giorni”.

Copyright © La Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved