BLU PARTE CON LA COMMERCIALIZZAZIONE

12 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Blu conta di raggiungere il break even nel 2004, anno entro il quale la quota di mercato del quarto operatore mobile italiano dovrebbe raggiungere il 10%. L’amministratore delegato Enrico Casini ha affermato che il target di quest’anno prevede almeno 300 mila clienti. Nel 2001 si dovrebbero contare 3 mila dipendenti (dei quali mille 500 già alla fine del ’00).

Il lancio commerciale di Blu, controllata da un gruppo di azionisti guidati da Autostrade che ha il 32%, partirà lunedì prossimo. Sono previste quattro offerte tariffarie, due prepagate e due per gli abbonamenti.

All’inizio Blu farà il roaming “subito con Omnitel, poi con Tim e succesivamente “vedremo se fare accordi con altri”, ha aggiunto Casini.

Nessuna conferma o smentita sull’ipotesi di approdo in Borsa.

Quanto alla gara per la licenza Umts (i telefonini di terza generazione in grado di inviare e ricevere dati via Internet), Blu non solo correrà da sola, ma è convinta di vincere: “pensiamo di essere i più forti”.

Tra gli altri azionisti figurano British Telecom con il 20%, Distacom che ha il 9% al pari di Mediaset, Edizione Holding, Caltagirone, Bnl e Italgas.