Blockchain e Startup innovative in Italia e nel mondo: esempi

20 Gennaio 2020, di Alessandra Caparello

Il fenomeno Blockchain è in costante crescita, attirando sempre più l’attenzione di investitori e di start up. La blockchain è un registro aperto, distribuito tramite tecnologia peer to peer, attraverso il quale tenere traccia delle transazioni fra due parti in maniera verificabile e permanente.

Blockchain: cos’è e cosa significa

Blockchain  letteralmente significa catena di blocchi, e si può definire come un grande registro digitale in cui le voci sono raggruppate in blocchi concatenati in ordine cronologico. Inizialmente la Blockchain era circoscritta al settore delle criptovalute ma poi piano piano si è esteso e trova applicazione in vari ambiti: dal settore bancario e finance, al risk management, fino alla scuola, leasing di auto, assicurazioni e sanità.

Da qui sono tantissime le start up in Italia e nel mondo che hanno fatto della tecnologia blockchain il loro punto di forza. Vediamone qualcuna.

Start up innovative e blockchain: qualche esempio italiano

In Italia troviamo start up innovative che si occupano di blockchain in ambito finance come Conio, un’app al 100% Made in Italy per depositare Bitcoin, comprarli o venderli, un wallet mobile più semplice per comprare, vendere e tenere al sicuro i tuoi Bitcoin.

Eternity Wall, incubata da Blockchainlab al centro Copernico di Milano, invece è specializzata nella realizzazione e gestione di un sistema informativo, innovativo, basato su internet e tecnologie digitali che consenta agli utenti interessati, sia professionali che non professionali, di interagire con la blockchain, al fine di inserire o acquisire informazioni dalla blockchain stessa.

Mangrovia Blockchain Solutions, con sede a Milano, fornisce servizi di consulenza, sviluppo e supporto per soluzioni blockchain. I servizi includono la gestione dei dati, lo sviluppo di contratti intelligenti e il machine learning.

Start up innovative e blockchain: qualche esempio nel mondo

Nel mondo emergono Ripple, start up che offre un sistema di pagamento diretto che consente a banche e istituti finanziari a livello globale di concludere transazioni fra loro senza bisogno di un corrispondente centrale.

Tra le start up che emergono nel mondo per l’utilizzo della blockchain troviamo anche Power Ledger che ha sviluppato una serie di applicazioni blockchain nel mercato dell’energia.
Poi c’è Colu, un wallet digitale che permette di pagare in modo istantaneo dallo smartphone e Sensay, startup californiana che connette le persone per effettuare transazioni.