Bitcoin, Tesla e oro: come proteggersi dall’inflazione

9 Febbraio 2021, di Massimiliano Volpe

Bitcoin, Tesla e oro: come proteggersi dall’inflazione

di Ipek Ozkardeskaya, Senior Analyst Swissquote

ll prezzo di Bitcoin è salito a un nuovo massimo storico a 48.000 dollari, ma gli investitori Tesla non hanno reagito con lo stesso entusiasmo. Il fatto che Tesla accetti Bitcoin come mezzo di scambio è un passo futuristico e si adatta perfettamente alla visione del suo fondatore Elon Musk.

Ma ci sono due questioni importanti che emergono dall’utilizzo di Bitcoin per le transazioni. Innanzitutto, Bitcoin è un asset estremamente volatile e la storia mostra che la volatilità non è solo unilaterale. Se il prezzo di Bitcoin è stato quasi moltiplicato per cinque nell’ultimo anno, non significa che non scenderà in modo schiacciante.

Bitcoin e quotazioni Tesla

L’elevata volatilità del valore di Bitcoin introdurrà quindi inevitabilmente una certa volatilità nelle entrate di Tesla e diminuirà la prevedibilità delle prestazioni dell’azienda. In secondo luogo, l’acquisto di un’auto Tesla in cambio di Bitcoin significa sostanzialmente scommettere che il prezzo del Bitcoin si stabilizzerà o scenderà.
Nessuno seppellirebbe i propri Bitcoin in un’auto prevedendo che il suo prezzo triplicherebbe di nuovo nei prossimi anni. Beh, potrebbe accadere anche il contrario, ma è una scommessa da casinò. A meno che il prezzo di Bitcoin non si stabilizzi, o il prezzo di Bitcoin scende drasticamente e finisci per aver vinto una Tesla alla lotteria, oppure il suo prezzo si triplica e finisci per pagare la tua Tesla troppo cara.

Criptovalute, inflazione e oro

Tornando alle storie tradizionali, il rendimento degli Stati Uniti a 30 anni ha raggiunto il 2% e l’inflazione implicita calcolata sull’attività nei titoli del Tesoro è accelerata ai massimi dal 2014, spingendo il tasso di pareggio a 10 anni al 2,2% sull’aumento dei prezzi del petrolio e le prospettive di $ 1,9 trilioni fiscali pacchetto di stimoli che Biden sta per far passare al Senato. Le aspettative di inflazione da parte delle grandi banche lasciano intravedere una solida ripresa prevista anche nel secondo trimestre.
Gli ultimi dati mostrano che Bank of America e JP Morgan prevedono un aumento del 3% e oltre dei prezzi al consumo nel secondo trimestre, e leggermente inferiore per la seconda metà dell’anno. L’aspettativa media è del 2,7% nel secondo trimestre e un tocco sopra il livello del 2% per il resto dell’anno.

Sebbene l’aumento dell’inflazione non rappresenterà una minaccia diretta alla politica della Fed fintanto che l’inflazione media rimarrà vicino al 2%, solleva sicuramente la questione di cosa comprare per proteggersi dall’inflazione.

Ci sono rumori sull’aumento del prezzo del Bitcoin a causa delle crescenti aspettative di inflazione, ma probabilmente non è vero. Persino la protezione dell’oro dall’inflazione non è così semplice, dato che le banche centrali sostengono solo una parte della loro massa monetaria con l’oro. Quindi, Bitcoin non proteggerà i suoi proprietari dall’inflazione meglio delle azioni di Amazon o di un’auto Tesla.

Ora, il fatto che l’oro trovi acquirenti al di sotto dei $ 1800 per oncia a causa delle crescenti aspettative di inflazione è una spiegazione più plausibile, anche se la relazione tra oro e inflazione non è più solida come una volta, ma il fatto che le banche centrali vogliano ancora detenere l’oro come percentuale del proprio bilancio svolge un ruolo nella percezione dell’oro come copertura contro almeno una parte dell’inflazione generata dalle politiche monetarie estremamente accomodanti.
L’oro è in rialzo per la terza sessione consecutiva, ma l’aumento dei rendimenti del tesoro aumenta il costo opportunità di detenere l’oro e potrebbe rallentare il rally avvicinandosi alla media mobile di 200 giorni, vicino ai $ 1850 l’oncia.