Bielorussia: bond a picco, colpa di errore traduzione dei media

30 Gennaio 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Il tasso sui bond bielorussi è volato dal 12 al 25% in pochi minuti ieri. Motivo insolito dello sbalzo dei prezzi: l’agenzia di stampa Bloomberg aveva riportato male le dichiarazione del presidente Alexander Lukashenko.

“Il debito esterno sarà ristrutturato”, avevano scritto i giornalisti del gruppo media americano. In realtà Lukashenko voleva dire che il passivo statale dell’ex repubblica del blocco sovietico sarà rifinanziato.

Il prezzo del titolo con scadenza 2018 è sceso da 90 a 65 (vedi grafico) anche dopo che Lukashenko ha rassicurato che il presidente russo Vladimir Putin era pronto a fornire $500 milioni di aiuti nel caso in cui la situazione dovesse precipitare.

Colpa delle dichiarazioni mal riportate dai media, evidentemente.

Tanto è vero che due ore dopo, in seguito al collasso dei titoli di stato del suo paese, Lukashenko ha dovuto chiarire il malinteso: “Per favore calmatevi tutti”, ha detto. “La Bielorussia ha denaro a sufficienza per ripagare tutto il suo debito”.

(DaC)